Ultimo aggiornamento alle 21:27
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

La Regione fa rete con gli atenei

COSENZA Sistema universitario. E integrazione piena tra Regione e Atenei. Una nuova stagione si apre per la Calabria. Ed è quella che vede camminare di pari passo, secondo percorsi paralleli, le du…

Pubblicato il: 15/09/2017 – 19:53
La Regione fa rete con gli atenei

COSENZA Sistema universitario. E integrazione piena tra Regione e Atenei. Una nuova stagione si apre per la Calabria. Ed è quella che vede camminare di pari passo, secondo percorsi paralleli, le due “istituzioni” su cui poggia le sue basi la speranza di rilancio del territorio. La scelta del presidente Mario Oliverio di affidare deleghe pesanti a “tecnici” provenienti dal mondo accademico non è stata affatto casuale. E la prova – diretta – è arrivata oggi pomeriggio nel corso del confronto promosso all’Unical tra i rettori (e loro rappresentanti) delle Università calabresi. A coordinarlo Antonio Viscomi, che oltre a essere un accademico è anche vicepresidente della Regione.
La sinergia avviata da un paio d’anni con il mondo universitario ha prodotto l’attivazione di un protocollo sull’Alta formazione finanziato con fondi strutturali pari a 128 milioni di euro. Un fiume di denaro che andrà a ottimizzare gli sforzi degli Atenei per tenere alta la bandiera del sapere e dell’innovazione, e per favorire ulteriormente l’interscambio con il mondo dell’impresa già sostenuta nel suo percorso di crescita attraverso appositi bandi.
Il punto qualificante della discussione che ha visto protagonisti gli uomini del sapere in Calabria è la volontà di integrare i processi in atto di riqualificazione complessiva dei progetti di supporto ai molti talenti che, per svariati motivi, il territorio rischia di perdere. Porre un freno all’emigrazione intellettuale – la cosiddetta fuga dei cervelli – resta uno degli obiettivi perseguibili attraverso il finanziamento degli Atenei impegnati nei programmi di alta formazione destinati a tenere in questa terra le figure più brillanti, quelle capaci di dare un senso ai propositi di innovazione su cui scommette la Regione. Perché ciò avvenga, è necessario che tutte le Università convergano su propositi e obiettivi comuni. E a giudicare dal tenore del confronto di venerdì pomeriggio sembra proprio che la strada giusta sia stata ampiamente imboccata.
La vera sfida del momento resta quella di rendere strutturali, e quindi definitivi, i canali di finanziamento attivati attraverso il lavoro certosino condotto negli ultimi due anni. Un lavoro che, per la prima volta, ha registrato già in fase di programmazione il contributo diretto delle Università non più chiamate alla sola gestione dei progetti ma alla loro stessa ideazione; un punto di forza che ha consentito il raggiungimento dei risultati illustrati da Paolo Praticò nell’ambito del programma sull’Alta formazione da cui potrebbero derivare, a breve, processi virtuosi capaci di produrre effetti benefici nel tempo.
Gli obiettivi strategici che dovranno essere conseguiti sono sintetizzabili in pochi, ma significativi, punti: incidere, anche attraverso il ruolo che lo stesso Viscomi ricopre in seno alla Conferenza Stato-Regioni sui processi di valutazione degli Atenei su base italiana (i cui parametri di riferimento penalizzano oltremisura le eccellenti Università del Sud); diffondere con maggiore efficacia i risultati a livello internazionale conseguiti dai Dipartimenti che insistono nelle Università calabresi e rendere centrale il mondo accademico regionale nel contesto del Mediterraneo. Sfide che verranno messe a punto nel corso di un prossimo incontro che vedrà impegnato il mondo accademico in una nuova “ottica di sistema”; una nuova leva, cioè, su cui rettori, docenti e studenti intendono fare pressione affinché il mondo della cultura e del sapere possa contribuire tanto oggi quanto (soprattutto) in futuro a dare nerbo ai progetti di rilancio complessivo della regione illustrati nei primi due giorni del “Cantiere Calabria”.

Pier Paolo Cambareri
redazione@corrierecal.it

 

 

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x