Ultimo aggiornamento alle 2:04
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

STIGE | La “squadra” politica del clan

CROTONE Il presidente della Provincia Nicodemo Parrilla sarebbe «uno dei rappresentanti della cosca nell’amministrazione comunale di Cirò Marina», dove sarebbe diventato sindaco grazie – nel 2006 e…

Pubblicato il: 09/01/2018 – 8:28
STIGE | La “squadra” politica del clan

CROTONE Il presidente della Provincia Nicodemo Parrilla sarebbe «uno dei rappresentanti della cosca nell’amministrazione comunale di Cirò Marina», dove sarebbe diventato sindaco grazie – nel 2006 e nel 2016 – all’appoggio dei clan del Crotonese. È inevitabile che, tra le attività della holding mafiosa, riassunte in più di 1.300 pagine dalla Dda di Catanzaro, la politica abbia un ruolo centrale. Servono uomini nei posti giusti e, stando all’inchiesta firmata dai magistrati antimafia, la provincia di Crotone ne sarebbe disseminata. Parrilla si sarebbe seduto sull’ambita poltrona della Provincia anche grazie alle «pressioni ’ndranghetistiche esercitate da Giuseppe Sestito (uno dei plenipotenziari della cosca, ndr) e Francesco Tallarico sui consiglieri comunali della Provincia di Crotone, specie su quelli del Comune di Casabona». Procacciatori di voti per conto di clan potenti, latori di offerte alle quali non si può rinunciare. Ma a Cirò Marina l’operazione Stige è un vero e proprio terremoto: sono finiti in manette anche il vicesindaco Giuseppe Berardi (in consiglio da dieci anni), il presidente del consiglio comunale Giancarlo Fuscaldo, nei guai per la concessione della piscina comunale, l’ex sindaco Roberto Siciliani e il fratello Nevio, già assessore.
Succede lo stesso a Strongoli. In questo caso nel mirino finisce il sindaco Michele Laurenzano. Il suo ruolo è più sfumato rispetto a quello ipotizzato per Parrilla, ma avrebbe fornito «un concreto, specifico, consapevole e volontario contributo ai componenti dell’associazione». La redazione del “piano spiagge” avrebbe permesso a una famiglia legata ai clan di mantenere la gestione di un chiosco balneare; tanti, poi, sarebbero i contatti registrati per far appaltare lavori a ditte controllate o indicate dalle cosche.
Sono finiti in manette pure il vicesindaco di Casabona Domenico Cerrelli (con il duplice ruolo di amministratore “docile” e imprenditore disposto a partecipare alla “bacinella” del clan Farao-Marincola), il sindaco di Mandatoriccio Angelo Donnici (nei guai per una gara d’appalto “sospetta”), il suo vice Filippo Mazza (che ha la delega ai lavori pubblici) e l’ex vicesindaco di San Giovanni in Fiore Giovanbattista Benincasa.

Alessia Truzzolillo
a.truzzolillo@corrierecal.it

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x