Ultimo aggiornamento alle 13:38
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

Centri per l'impiego, c'è l'intesa tra Regione e sindacati

L’annuncio di Cgil, Cisl e Uil dopo un incontro con gli assessori Robbe e Fragomeni: «Dal primo luglio i dipendenti delle Province/Città Metropolitana passeranno nei ruoli regionali»

Pubblicato il: 06/06/2018 – 11:23
Centri per l'impiego, c'è l'intesa tra Regione e sindacati

CATANZARO Raggiunta l’intesa tra Regione e sindacati sui Centri per l’Impiego della Calabria. Lo
riferisce un comunicato congiunto di Fp-Cgil, Cisl-Fp e Uil-Fpl. «Si è svolto ieri, infatti – è detto nel comunicato – il tavolo tecnico risolutivo al fine di definire il passaggio dei Centri per l’Impiego all’Ente Regione, così come disposto dalla Legge di Bilancio, rispettando la data fissata del prossimo 30 giugno 2018. Ampia apertura si è registrata da parte degli assessori al Bilancio, Personale e Lavoro, Mariateresa Fragomeni e Angela Robbe, che hanno dimostrato disponibilità a voler concludere la vertenza ed a dare soddisfazione alle richieste dei lavoratori rappresentati dalle organizzazioni sindacali. Si è trattato di un incontro molto importante per la funzione pubblica e per il futuro di tanti lavoratori, che aspettavano da tempo risposte certe e concrete. Erano ormai mesi che si discuteva del passaggio dei Cpi in capo alla Regione, con relativo trasferimento non solo delle funzioni e dei servizi ma anche del personale. Gli obiettivi della vertenza sono stati così raggiunti grazie all’impegno e alla determinazione dei neo assessori e dei dirigenti regionali, che in questi mesi hanno lavorato assiduamente per definire al meglio tutti i passaggi necessari al fine di consentire la concretizzazione di quanto disposto dalla normativa nazionale».
«Le parti – è detto ancora nel comunicato – hanno condiviso un cronoprogramma concordando che l’11 giugno si terrà un incontro con le organizzazioni sindacali per definire il piano di fabbisogno del personale e il conseguente piano assunzionale; dal 1 luglio i dipendenti dei Centri per l’impiego delle Province/Città Metropolitana passeranno nei ruoli regionali senza novazione del contratto con conseguente applicazione del contratto decentrato 2018 del personale della Regione; dal 5 luglio verrà applicata l’estensione orario di lavoro dei lavoratori part-time a 32 ore nelle more della risposta al quesito che la Regione ha assicurato invierà alla Funzione Pubblica circa la disponibilità di incremento ulteriore, senza ripercussioni sui vincoli assunzionali. Inoltre il 18 giugno è prevista la convocazione della Giunta regionale per l’approvazione della delibera inerente il piano del fabbisogno del personale».
«Auspichiamo che al trasferimento – affermano i segretari generali regionali Alessandra Baldari (Fp-Cgil), Luciana Giordano (Cisl-Fp) e Elio Bartoletti (Uil-Fpl) – segua anche una riorganizzazione ed una incrementazione dei servizi così da poter dar risposte più concrete ai cittadini e riconoscere la giusta dignità di lavoratori a tutti i dipendenti da anni impegnati nelle Politiche Attive per il Lavoro. A tal proposito considerata la manifesta disponibilità delle parti a concludere in tempi celeri la partita si augura si possa dare ancora più respiro ai precari dei Cpi di Reggio Calabria e Crotone accelerando i tempi di pubblicazione dell’Avviso per la stabilizzazione e a tutti i lavoratori part-time l’incremento delle ore fino al full-time prima della pausa estiva».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x