Ultimo aggiornamento alle 0:00
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 1 minuto
Cambia colore:
 

Autobomba a Limbadi, dimesso il padre di Vinci

Francesco Vinci è tornato a casa grazie all’impegno di Libera che ha inviato un’ambulanza da Vibo Valentia a Palerma, dove l’uomo era ricoverato nel reparto “Grandi ustioni”

Pubblicato il: 27/06/2018 – 11:42
Autobomba a Limbadi, dimesso il padre di Vinci

VIBO VALENTIA È tornato a tarda notte nella sua abitazione di Limbadi Francesco Vinci, 73 anni, rimasto ferito nell’esplosione di un’autobomba che il 9 aprile scorso ha ucciso il figlio Matteo. Era ricoverato nel centro “Grandi ustioni” dell’ospedale di Palermo, dove era stato trasportato d’urgenza a causa della gravità delle ferite nell’attentato. Francesco Vinci è tornato a Limbadi grazie all’iniziativa intrapresa da don Ennio Stamile, referente regionale di “Libera” che ha raccolto l’accorato appello della moglie, Rosaria Scarpulla, e ha inviato un’ambulanza da Vibo Valentia a Palermo per riportare l’uomo a casa dove ad attenderlo c’era pure il maresciallo Ezio Gianrizzo, comandante della locale stazione dei carabinieri di Limbadi che ha avuto un colloquio informale con Vinci. Nei giorni scorsi sono state fermate sei persone ritenute, a vario titolo, responsabili dell’attentato.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x