Ultimo aggiornamento alle 16:22
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Regione parte civile nel processo sull'autobomba di Limbadi

Il presidente Oliverio ha firmato il decreto per la richiesta di costituzione in giudizio della Cittadella nel processo contro i presunti responsabili dell’omicidio di Matteo Vinci

Pubblicato il: 24/10/2019 – 13:41
Regione parte civile nel processo sull'autobomba di Limbadi

LIMBADI Il Presidente della Giunta regionale Mario Oliverio, appreso a mezzo stampa della non avvenuta costituzione di parte civile da parte della Regione Calabria nel processo a carico dei presunti assassini di Matteo Vinci, morto a seguito dell’esplosione di un’autobomba a Limbadi più di un anno fa. Imputati per l’omicidio sono Rosaria Mancuso (sorella di alcuni boss del noto casato mafioso vibonese) e il genero Vito Barbara; assieme a loro il marito di Rosaria Mancuso, Domenico Di Grillo, è accusato del tentato omicidio di Francesco Vinci, colpito ripetutamente con un’ascia e un forcone, mentre la figlia Lucia Di Grillo risponde soltanto di un’imputazione relativa alle armi. (ne avevamo scritto qui)
Oliverio ha così scritto all’Avvocatura per conoscere i motivi della mancata costituzione in giudizio. A maggior ragione in seguito alla polemica recentemente scaturita tra il legale dei genitori della vittima e l’associazione Libera, che ha deciso di non costituirsi parte civile (qui la notizia).
L’Avvocatura, dopo aver rilevato che la Regione Calabria non è stata identificata quale parte offesa, non avendo ricevuto alcuna comunicazione in ordine allo svolgimento del suddetto processo, ha dunque, su impulso del Presidente, disposto un Decreto per la costituzione di parte civile nel procedimento, poiché la Regione assume tra i compiti primari, sanciti nel proprio statuto, quello di assicurare lo sviluppo socio economico della propria comunità; sviluppo che viene distorto, se non impedito dalla presenza e dall’attività di interferenza della criminalità organizzata. Pertanto, il Presidente Oliverio, nella qualità di legale rappresentante pro-tempore della Regione Calabria, in quanto parte offesa nel procedimento pendente dinanzi alla Corte d’Assiste di Catanzaro, ha dato procura speciale all’Avvocatura affinché assista e difenda la Regione nel processo. (fd)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x