Ultimo aggiornamento alle 15:12
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Guardavalle, «la statua donata da Gallace sarà rimossa»

Il sindaco Ussia convoca il consiglio comunale per l’annullamento della delibera di installazione. «Non posso passare per un mafioso, intervista tagliata e rimontata ad uso. Il donatore? È solo par…

Pubblicato il: 17/12/2019 – 16:15
Guardavalle, «la statua donata da Gallace sarà rimossa»

GUARDAVALLE «Ho dichiarato subito che la statua di Sant’Agazio sarebbe stata rimossa e, ieri, prima che la trasmissione di Canale 5 andasse in onda mi sono sentito con i rappresentanti di maggioranza e opposizione per convocare un Consiglio comunale, che si terrà venerdì, proprio per procedere all’annullamento della delibera di installazione dell’effigie. E di questo ho informato il Prefetto di Catanzaro e tutte le autorità». Pino Ussia, sindaco di Guardavalle, all’indomani della messa in onda del servizio di “Striscia la notizia” che ha fatto scoppiare il caso della statua del Patrono del comune della costa ionica catanzarese la cui donazione è stata attribuita alla famiglia Gallace, ritenuta una delle ‘ndrine più potenti della Calabria, non trattiene l’amarezza.
«Hanno creato non poche difficoltà – dice Ussia, che lavora come caposala nel reparto di chirurgia dell’ospedale di Soverato – a me, alla mia famiglia e a tutta la comunità di Guardavalle. Un’intervista durata più di un’ora – aggiunge il sindaco – è stata tagliata e rimontata ad uso, evidentemente, di chi voleva fare notizia e sensazionalismo. Ho interessato per questo il mio avvocato e domani terrò una conferenza stampa a cui ho invitato tutte le testate per fare conoscere tutti gli aspetti della vicenda».
«Intanto, posso dire – prosegue il sindaco – di avere ricevuto tanti messaggi e attestazioni di stima sia per il ruolo che ricopro sia per la mia storia. Sono conosciuto da 50 anni e tutti sanno quello che sono e quello che faccio. Non posso assolutamente passare per un sindaco mafioso. Noi qui viviamo di regole e di rispetto delle regole».
«Qui c’è una realtà importante – dice ancora Ussia – e mi dispiace solo che dalla trasmissione non sia venuto fuori nulla di tutto questo. Ha prevalso la volontà di fare vedere solo cose negative. Poi, il donatore della statua, per quello che ne so, è un signore di nome Gallace che vive a Roma e che è solo parente, per quanto mi risulta nemmeno in buoni rapporti, dei Gallace a cui si è fatto riferimento».
IL PREFETTO CHIEDE LA RIMOZIONE Anche il prefetto di Catanzaro Francesca Ferrandino ha scritto al sindaco di Guardavalle Giuseppe Ussia «intervenendo con decisione» per chiedere l’immediata rimozione della statua di S. Agazio Martire. Lo riferiscono fonti della Prefettura di Catanzaro.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb