Ultimo aggiornamento alle 6:45
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

L’appello di Corbelli alla Santelli: «Liberare subito Torano»

Il leader di “Diritti Civili” denuncia «la devastazione dell’immagine del mio comune» e inoltre sollecita il rientro dei calabresi al Nord

Pubblicato il: 26/04/2020 – 19:46
L’appello di Corbelli alla Santelli: «Liberare subito Torano»

«Adesso che la Calabria ha di fatto azzerato i contagi e, io dico, in modo convinto, superato anche l’emergenza la presidente della Regione, Jole Santelli, ha il dovere di far rientrare subito i nostri giovani e lavoratori rimasti sino a responsabilmente al Nord e di riaprire immediatamente il comune di Torano Castello e gli altri tre comuni per cui è stata prorogata la chiusura sino al 3 maggio». Lo sostiene il leader del Movimento Diritti Civili, Franco Corbelli. «Nel giorno che la Calabria ha di fatto, fortunatamente, azzerato i contagi (un solo positivo oggi), mentre esprimo tutta la mia grande soddisfazione per questo importante risultato, denuncio anche con forza e rabbia quella che considero  una autentica devastazione dell’immagine del mio comune, Torano Castello, identificato e accomunato alla nota vicenda della Rsa Villa Torano. Adesso basta! Io non ci sto! Non ci sto a vedere devastata l’immagine del nostro comune, Torano Castello, con falsità e menzogne! Non siamo la Nuova Codogno, ma solo uno dei 14 comuni interessati  alla vicenda della Rsa Villa Torano, che è una realtà diversa, distinta e lontana dal nostro comune». Corbelli si rivolge ancora una volta alla Presidente della Regione, Jole Santelli, chiedendo «di liberare Torano e porre fine a questa ingiustizia, che sta arrecando danni ingenti, e mi auguro, non irrimediabili, al nostro comune. Degli oltre, a oggi, 145 contagiati, legati a Villa Torano, solo poco più di una trentina sono del comune di Torano. Per essere più chiari, meno del 25% dei contagiati complessivi  collegati alla Rsa sono del comune di Torano Castello. Sono i 18 dipendenti ed esclusivamente loro familiari. All’infuori di questi nessun nucleo familiare del nostro comune, che conta quasi 5000 abitanti, risulta essere stato contagiato. Torano Castello, a parte i positivi legati a Villa Torano, è dunque – prosegue il leader di “Diritti Civili” – fortunatamente rimasto fuori dal contagio. Eppure ci si accanisce solo contro il nostro comune! Per questo è assolutamente ingiustificato tenere ancora chiuso e blindato il comune e paragonare Torano Castello addirittura alla nuova Codogno, come si continua purtroppo a fare con i media e popolari programmi nazionali che continuano a mandare i loro inviati nel nostro comune per realizzare i loro reportage, che vedremo stasera a La 7 e domani sera a Raitre». A questo proposito Corbelli chiede alla governatrice Santelli «come sia possibile che lui, con la sua ultratrentennale storia di impegno civile, continui, al pari di tutti i suoi concittadini, a restare prigioniero e segregato nella sua casa, a Sartano, e non poter uscire per andare a dare il suo aiuto, mentre gli inviati di Report, di Non è l’Arena, di Rainews , dei Tg Rai, arrivino in Calabria   e  continuino a girare liberamente per il nostro comune andando addirittura anche nelle case di alcuni positivi per intervistarli. Sono queste le ingiustizie che non accetto e che denuncio con forza, per difendere l’immagine del mio comune e la verità dei fatti».
 
 

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x