Ultimo aggiornamento alle 21:02
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Quattro o cinque “macro aree” e super manager esterni. Santelli si “ispira” al modello De Luca

In cima alla “piramide” dell’amministrazione andranno direttori scelti dalla politica. Competenze raggruppate in base alle deleghe degli assessori: ecco il nuovo schema della burocrazia regionale

Pubblicato il: 05/05/2020 – 15:47
Quattro o cinque “macro aree” e super manager esterni. Santelli si “ispira” al modello De Luca

CATANZARO È “macro area” l’espressione più ricorrente nei giorni che traghettano – con tanto di scontro con il governo – la burocrazia regionale nella “fase 2”. Il lavoro di riorganizzazione prosegue anche mentre le attività della Cittadella regionale vanno avanti a scartamento ridotto. Le strutture speciali si vanno componendo (potete leggerlo qui) e la politica ridisegna il quadro chiamato ad assisterne le direttive.
Per quanto la performance a “Che tempo che fa” abbia marcato differenze sostanziali tra i governatori Vincenzo De Luca e Jole Santelli, tutte le indiscrezioni raccolte segnalano che la nuova architettura burocratica della Regione seguirà l’esempio della Campania. Dunque una riorganizzazione con istituzione di quattro o cinque “macro aeree” a capo delle quali andrebbero manager esterni di gradimento dell’amministrazione. Manager individuati, secondo quanto si apprende, direttamente dalla presidente. Uno dei nomi già emersi nei giorni scorsi è quello di Maurizio Borgo, vice capo di Gabinetto del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti con un passato da docente all’Università di Reggio Calabria. La sua è una candidatura forte per la macro area che potrebbe raggruppare Presidenza, Segretariato generale, Protezione civile e, forse, anche la Sanità, delega pesante che – per ora – Santelli ha conservato per sé.
Altra area dovrebbe essere quella relativa alle deleghe che fanno riferimento a Fausto Orsomarso: Lavoro, Attività Produttive e Turismo saranno di competenza di un “compartimento” anch’esso probabilmente assegnato a un super manager esterno. E via discorrendo per le altre “macro aree”. Una – assommerà le competenze di Nino Spirlì e Sandra Savaglio – sarà dedicata a Istruzione, Formazione, Università Ricerca Cultura e Beni Culturali. Un’altra ancora a Infrastrutture, Trasporti, Lavori pubblici e Urbanistica, deleghe di Domenica Catalfamo. Una quinta “macro area” potrebbe accorpare Ambiente e Agricoltura. Non ci sono ancora certezze sul numero delle aree, ma lo schema è chiaro per chi sta “riprogrammando” la Regione. Così come l’ispirazione, che arriva da altre amministrazioni in cui la “rivoluzione” ha funzionato.
Questo tipo di struttura prevede – sempre secondo quanto è stato possibile apprendere – tre fasce dirigenziali, peraltro previste dalla normativa sulla dirigenza pubblica, e cioè direttori d’area, dirigenti di dipartimenti e dirigenti di settori.
In cima alla piramide burocratica, però, ci saranno quattro o cinque manager esterni di diretta emanazione della politica.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x