Ultimo aggiornamento alle 11:01
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

Cisl Medici contro i commissari: «Gestione 118 di Catanzaro inadeguata»

Il sindacato continua a denunciare le problematiche organizzative del servizio oltre che le mancate retribuzioni per i medici convenzionati dell’Asp del capoluogo

Pubblicato il: 20/08/2020 – 9:02
Cisl Medici contro i commissari: «Gestione 118 di Catanzaro inadeguata»

CATANZARO «Malgrado nei giorni scorsi la Cisl Medici abbia nuovamente denunciato problematiche organizzative del Seu 118 legate anche alla carenza di medici nonché retributive dei medici convenzionati dell’ASP di Catanzaro, il Coordinatore Centrale Operativa Area Centro Dott. Talesa ha lodato sulla stampa la sua direzione nella conduzione del servizio.
Le cose stanno in maniera molto diversa e non servono nozioni culturali nel settore per accorgersi della insufficiente gestione del sistema 118, che viene segnalata costantemente sui diversi mass media.
Basterebbe infatti la dichiarazione del direttore Talesa che si vanta sulla cessione gratuita di due ambulanze dall’Asp di Vibo all’Asp di Catanzaro, quando in realtà le stesse sarebbero state comunque demolite dall’ASP di Vibo, viste le obsolete condizioni ed un chilometraggio di oltre 900.000 Km, come affermato nella delibera del 5/8/2020». Così si legge in una nota del sindacato firmata dal segretario regionale Nino Accorinti.
«Quindi – continua – a parte le negative motivazioni economiche, i cittadini residenti nell’ASP di Catanzaro probabilmente vengono considerati di serie B dal suddetto Coordinatore. Situazione paradossale dal punto di vista sanitario! Come paradossale è la mancata riorganizzazione del Suem 118 dell’Area Centro come invece programmata nel Dca n. 44 del 23.02.2017, laddove si disattivavano le funzioni proprie delle Centrali Operative del 118 dell’Asp di Crotone e dell’Asp di Vibo Valentia, che dovevano essere accorpate a quella di Catanzaro. Nello stesso decreto si istituiva il Dipartimento interaziendale funzionale di coordinamento della Centrale Operativa del 118 dell’Area Centro con sede a Catanzaro. Con la successiva delibera del 10.08.2017 dell’Asp di Catanzaro veniva individuato il Dott. Talesa quale Direttore del Dipartimento funzionale che doveva entro 60 giorni dalla nomina predisporre la proposta di organizzazione del servizio 118 dell’Area centro, di concerto con le tre Direzioni Sanitarie delle tre Aziende.
Sulla vicenda e sulla contemplata proposta del sopracitato medico vige il più assoluto silenzio, mentre i cittadini calabresi pagano i costi presunti (20 milioni circa?) di una riorganizzazione mancata.
Il nominato Direttore del Dipartimento funzionale di Coordinamento Dott Antonio Talesa ha adempiuto agli obiettivi assegnati? Sembra di no.
E’ difficile invece immaginare che le tre Direzioni Sanitarie delle tre Aziende dell’Area Centro abbiano omesso, dopo circa tre anni dal DCA n. 44/2017, di eseguire la programmata riorganizzazione.
Chissà cosa ne pensa il Commissario ad Acta per il piano di rientro della Regione Calabria!
Sulla sospensione dell’indennità aggiuntiva ai medici convenzionati, è palese il ruolo del Dott. Talesa e l’assenza degli adempimenti come previsti nella delibera n. 407 del 07.07.2020 che, tra l’altro, hanno indotto la Commissione Straordinaria al recupero giudiziale di somme corrisposte negli ultimi dieci anni. Tra gli adempimenti vi era il piano semestrale di lavoro inerenti i compiti aggiuntivi previsto nell’Accordo Aziendale di Declinazione del 24 gennaio 2019 a cui ha partecipato lo stesso Talesa. E’lo stesso Commissario Prefettizio Latella che, nel giustificare la delibera di avvio del recupero giudiziale dell’indennità, tira in ballo il direttore del SEU 118 “per il quale non è possibile fare un piano e certificare le attività svolte”.
Ed allora, la CISL Medici conferma che le dimissioni del Dott. Talesa, da Coordinatore del Dipartimento funzionale dell’Area Centro, sarebbero doverose. Inaccettabile è anche il comportamento della Presidente della Commissione straordinaria a capo dell’ASP di Catanzaro, che ritiene l’autorità giudiziaria la depositaria della verità sull’art. 29 dell’accordo integrativo regionale relativo all’indennità aggiuntiva, sospesa unilateralmente dall’Azienda, ed aspetta sul caso le determinazioni del Giudice di merito.
Nel frattempo, il comportamento del Direttore del SEU 118 e le scelte gestionali della Commissione Prefettizia stanno portando verso l’azzeramento il servizio di emergenza-urgenza dell’ASP di Catanzaro, già ad un passo dal collasso».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x