Ultimo aggiornamento alle 9:11
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

«Costretti a operare in condizioni penose». Protestano le guardie mediche a Crotone

Sos dei medici. «Non c’è sicurezza, i nostri appelli sempre caduti nel vuoto. Pareti unte e polverose, non abbiamo un lavabo e siamo costretti ad acquistare anche i termoscan» 

Pubblicato il: 09/12/2020 – 19:54
«Costretti a operare in condizioni penose». Protestano le guardie mediche a Crotone

CROTONE Senza attrezzature, con arredi vecchi, pareti umide e senza dispositivi di protezione personali. È durissima la denuncia contenuta in una nota dei medici di continuità assistenziale – le cosiddette guardie mediche – che operano nella postazione di Crotone adiacente all’ospedale. «Non c’è alcuna sicurezza, igiene e privacy nell’ambulatorio della Guardia medica di Crotone», sostengono i medici le cui richieste, dicono, sono rimaste inascoltate in questi mesi nonostante le tante mail inviate ai vertici dell’Asp: «Nessuno si è mai degnato di darci una risposta e i nostri appelli sono sempre caduti nel vuoto». Tra i tanti disagi c’è la mancanza di sicurezza dell’ambulatorio che, nonostante sia prossimo all’ospedale «non è monitorato dalle guardie giurate e neppure munito di sistemi di allarme: vi è solo un videocitofono sprovvisto persino di apertura a distanza. Il nuovo ingresso non ha pertanto alcun tipo di sorveglianza notturna, ma viene correntemente adibito come “tettoia di sosta” non solo per i clienti del Cup di giorno, ma anche di notte come zona d’attesa per le persone in fila al pronto soccorso e non raramente diventa porta di accesso e bivacco per soggetti “poco raccomandabili” che spesso nella notte richiedono siringhe e ansiolitici per crisi di astinenza da droghe».
Anche le condizioni igieniche vengono definite «penose»: manca anche «un lavabo in medicheria, presidio sanitario assolutamente necessario per non contaminare il bagno di uso in comune anche con gli uffici cup. Abbiamo un arredamento minimo – sostengono i medici – non sufficiente a contenere neppure la strumentazione basilare; pareti unte, polverose, malsane, la presenza costante di formiche nell’ambulatorio, non risolta dalle pulizie; strumentazione medica insufficiente. Persino i termoscan devono essere acquistati dai medici stessi».
A tutto questo si aggiunge il numero esiguo di medici in rapporto agli abitanti che riguardano la città di Crotone. La postazione, vicina all’ospedale e con due soli medici in servizio contemporaneo «si trova a dover gestire pertanto non solo gli oltre 65mila abitanti crotonesi, ma anche i numerosi pazienti affluiti dalla provincia per l’ospedale o anche turisti (ai quali non e’ dedicato alcun servizio di guardia medica turistica)». «Sarebbe auspicabile – concludono i medici della Guardia medica di Crotone – aumentare il personale impiegato e ammodernare la struttura o, eventualmente, trasferirla in un sede più adeguata».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x