Ultimo aggiornamento alle 22:57
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Reggio, verso l’archiviazione l’inchiesta sull’avvelenamento del manager che indagava sui conti dell’Asp

Dalla perizia depositata non sarebbero emessi elementi per corroborare l’ipotesi. Campolo morì il 25 settembre 2018 dopo un malore

Pubblicato il: 13/12/2020 – 7:10
Reggio, verso l’archiviazione l’inchiesta sull’avvelenamento del manager che indagava sui conti dell’Asp

REGGIO CALABRIA Va verso l’archiviazione l’inchiesta aperta dalla Procura di Reggio Calabria sul presunto avvelenamento di Consolato Campolo, dirigente amministrativo a capo di una task force che indagava nel 2018 sulle anomali nel bilancio dell’Asp di Reggio Calabria, il cui deficit è ancora sconosciuto. Campolo morì nel settembre 2018 a causa di un malore che i medici archiviarono come infarto. Ma, subito, furono sollevati dubbi e sospetti su quella morte. Dubbi e sospetti accompagnati da un clamore mediatico (ripreso nelle scorse settimane, quando la sanità calabrese è finita sotto i riflettori dei media nazionali) che ha convinto gli uffici giudiziari ad effettuare approfondimenti per ricostruire cosa successe nella notte in cui Campolo arrivò al Pronto soccorso di Reggio Calabria in condizioni precarie e poi perse la vita. La perizia richiesta dalla Procura è stata depositata circa un mese fa e non avrebbe fornito elementi per corroborare l’ipotesi dell’avvelenamento rispetto alla quale, secondo quanto appreso, anche la famiglia del manager ha sempre nutrito forti dubbi, pur ritenendo ovviamente necessario che si facesse luce sulla vicenda. Ora, dopo due anni di speculazioni (soprattutto mediatiche) sui fatti, la decisione della Procura potrebbe finalmente mettere un primo punto fermo sul caso. E la perizia – il cui completamento è stato più volte sollecitato dai pm – aiuterà a chiarire cosa sia accaduto la sera del 25 settembre 2018, quando Campolo, dopo una cena al ristorante, iniziò ad avvertire il malore che lo portò al Pronto soccorso. Il manager, dopo il progressivo peggioramento delle proprie condizioni, morì nella notte.
Tra gli altri, anche Massimo Scura ha adombrato sospetti sulla morte di Campolo, nominato proprio dall’ex commissario al Piano di rientro per analizzare i conti dell’Azienda sanitaria.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x