Ultimo aggiornamento alle 18:54
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

"Calabria Aperta": «Questa regione merita di più. È il momento del coraggio e della chiarezza»

Nota del movimento civico dopo la partecipazione al secondo tavolo di coalizione di centrosinistra. «Il gioco delle simpatie e delle antipatie indebolisce la possibilità di alleanze larghe. È urgen…

Pubblicato il: 18/12/2020 – 15:49
"Calabria Aperta": «Questa regione merita di più. È il momento del coraggio e della chiarezza»

CATANZARO «Quella che la Calabria sta vivendo è una fase di grande incertezza. All’incognita dei tempi e della pandemia si aggiunge l’urgenza di presentare un’offerta politica all’altezza della sfida. E il tempo non c’è: le elezioni restano alle porte nonostante l’assurdità del voto a febbraio mentre il gioco delle simpatie e delle antipatie indebolisce la possibilità di costruire un’alleanza larga e innovativa. Non c’è più tempo per tatticismi, né si può continuare ad assistere a deliri politicisti. Occorre lavorare all’obiettivo primo: ridare alla nostra regione le possibilità che merita, la dignità che merita. E questo non si costruisce con la confusione ma con l’assunzione di responsabilità da parte di ciascuno». È quanto si legge in un comunicato del Movimento civico di Nicola Fiorita, dopo quanto accaduto ieri al secondo appuntamento del tavolo di coalizione di centrosinistra.
«La Calabria – continua – sta vivendo uno dei periodi più bui della sua storia. Crisi sociale, crisi economica e politica che si intrecciano con la crisi sanitaria, costituendo un mix esplosivo; disincanto e rabbia dei cittadini che si sentono traditi da una politica autoreferenziale ed inconcludente. Per i cittadini calabresi ciò che conta è la discontinuità nella gestione della sanità pubblica, l’accesso alle cure, il lavoro, l’ambiente, la ricerca, la mitigazione del rischio idrogeologico, la capacità della regione di stare con programmi seri dentro la grande partita dei fondi europei. Il documento che Calabria Aperta ha condiviso e che riceve quotidianamente adesioni, non è un manifesto propagandistico ma l’assunzione di un compito, il lavoro per il raggiungimento di un obiettivo specifico e imprescindibile: aprire una fase radicalmente nuova in Calabria.
Ribadiamo che può e deve essere solo uno scatto politico, serio, responsabile, organizzato ed efficace a cambiare la direzione della crisi profonda che stiamo vivendo.
Può ritenersi sufficiente creare un tavolo di coalizione o forse non è necessario mettere in campo comportamenti concludenti che indichino che davvero si vuole costruire una proposta politica credibile e capace di cambiare le cose?».
«Calabria Aperta – conclude il comunicato – era e resta disponibile a dare il contributo per arrivare ad una soluzione condivisa, aperta, aggregata e propositiva. Ma non ad ogni costo. L’unione di intenti si costruisce lungo due direttrici fondamentali, quella dell’ascolto e quella del dialogo. Le nostre proposte sempre aperte, esposte immediatamente e chiaramente, restano purtroppo in attesa, perché il dialogo intessuto si sta rivelando un dialogo più apparente che reale. La data del voto, il coinvolgimento di tutte le forze alternative alla destra, le urgenze di programmazione sul territorio, lavorando alle priorità vincolanti, i criteri delle candidature: ad oggi non abbiamo trovato le risposte che servono. È urgente cambiare rapidamente rotta e passo, ricordare le priorità, i rischi della mancata assunzione di responsabilità. Recuperare l’obiettivo e lavorare con criterio per avvicinarlo e non per allontanarlo per interessi di parte».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x