Ultimo aggiornamento alle 22:31
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Poste, Cgil Calabria: «Il 22 dicembre sciopero dei dipendenti»

I sindacati proclamano lo stop delle prestazioni aggiuntive e dello straordinario per tutto il personale di Poste Italiane applicato in Calabria.

Pubblicato il: 18/12/2020 – 11:46
Poste, Cgil Calabria: «Il 22 dicembre sciopero dei dipendenti»

CATANZARO «Nonostante il drammatico momento dovuto alla Pandemia causata dal Covid-19 riteniamo opportuno evidenziare che in Calabria i responsabili di Poste Italiane, continuano a gestire il personale in maniera approssimativa e, forse, fortemente condizionati da fattori esterni che continuano a provocare stress e malumore tra i dipendenti». Lo scrive in una nota la segreteria regionale della Slc Cgil Calabria.
«In tutti i settori di applicazione, – afferma la Slc – quotidianamente assistiamo a episodi di sconforto, a richieste di pensionamento anticipato, a richieste di assistenza contro i soprusi messi in atto dai responsabili aziendali. Purtroppo nel territorio calabrese si assiste ad una girandola di responsabili aziendali e di figure di responsabilità intermedia, create a volte con il solo scopo di gestire il “potere”, che vengono destinati in Calabria con il solo obiettivo di iniziare un percorso di carriera che mortifica i dipendenti calabresi che ogni giorno lavorano con umiltà mettendo al servizio dei clienti la propria immagine». «Non tollerabile, – continua – né eticamente corretto, che le ferie dei dipendenti vengano considerate come un fattore di raggiungimento di premi individuali per “pochi eletti”; che si continui ad usare i “distacchi gestionali“ per coprire la cronica carenza di personale, in barba ai tanti strumenti di politiche attive del lavoro concertate con le Oo.ss., riuscendo persino a calpestare strumenti come e graduatorie di mobilità. Infine si assiste ad un ricatto psicologico, della possibile riconferma, effettuato verso i Ctd da molti responsabili dei centri che li costringono praticamente a lavorare senza un orario certo e senza tutele. Neanche il periodo di Pandemia dovuta al covid-19 e gli accordi sottoscritti a livello nazione le hanno fermato l’arroganza dei Responsabili Aziendali». Per tutti questi motivi la Slc Cgil Calabria ha proclamato per giorno 22 dicembre lo sciopero delle prestazioni aggiuntive e dello straordinario per tutto il personale applicato in Calabria.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x