Ultimo aggiornamento alle 8:50
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

il ritrovamento

Colpo al clan Muto: scoperto un bunker in casa di un indagato – VIDEO

La scoperta è stata fatta nel corso di una perquisizione nei confronti di uno degli esponenti del sodalizio. Droga dalla Locride per la cosca

Pubblicato il: 10/03/2021 – 9:53
Colpo al clan Muto: scoperto un bunker in casa di un indagato – VIDEO

COSENZA Un bunker è stato scoperto a Cetraro dai carabinieri del Comando provinciale
di Cosenza nell’abitazione degli indagati dell’operazione “Katarion” condotta con il coordinamento della Dda di Catanzaro e che ha portato all’esecuzione di 33 misure cautelari nella zona dell’alto Tirreno cosentino. La scoperta è stata fatta nel corso di una perquisizione domiciliare nei confronti di uno degli esponenti di spicco del sodalizio dedito al traffico di droga, che operava sotto l’egida della cosca “Muto”. I militari inoltre hanno trovato e sequestrato 700 grammi di cocaina e due chili di hascisc. L’operazione ha
colpito un’organizzazione operante in una fascia compresa tra Guardia Piemontese a Scalea, con al centro Cetraro, mentre le piazze di spaccio sono state individuate e smantellate a Scalea, Santa Maria del Cedro, Belvedere Marittimo, Diamante e
Buonvicino. Le 33 misure cautelari eseguite (10 in carcere, 8 ai domiciliari
e 15 obblighi di presentazione alla Polizia giudiziaria) hanno riguardato soggetti residenti nei comuni della costa tirrenica cosentina, nella Locride e a Ivrea nel Torinese.

Il video

«Le indagini iniziate nel giugno 2016 – ha spiegato il comandante provinciale dei carabinieri di Cosenza, colonnello Piero Sutera – all’indomani dell’operazione Frontiera e hanno evidenziato la riorganizzazione del sodalizio della storica consorteria mafiosa ‘Muto’ di Cetraro, che è egemone sulla zona del Tirreno cosentino. Le indagini hanno documentato che gli assetti puntavano nuovamente sul core business dei Muto, che è proprio lo spaccio di droga». Il sodalizio, secondo gli investigatori, ha puntato soprattutto sul traffico di stupefacenti, ed è stata accertata una continua capacità di far fronte alle esigenze di droga grazie ad un broker operante nell’area della Locride da dove arrivava la cocaina, la produzione di marijuana, invece, avveniva in maniera autonoma.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb