Ultimo aggiornamento alle 23:20
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

la decisione

Destinato ad altro incarico il capo scorta che ha aggredito la giornalista del “Corriere”

Decisione del Comando provinciale dei carabinieri di Reggio Calabria dopo l’episodio accaduto nell’aula bunker di Lamezia Terme

Pubblicato il: 27/04/2021 – 20:59
Destinato ad altro incarico il capo scorta che ha aggredito la giornalista del “Corriere”

CATANZARO È stato destinato ad altro incarico il carabiniere Alberto Marafioti, 56 anni, il militare che nel primo pomeriggio di oggi ha aggredito la giornalista del Corriere della Calabria, e corrispondente dell’Ansa, Alessia Truzzolillo nel corso dell’udienza del processo Rinascita-Scott. La decisione è stata presa dal Comando provinciale dei carabinieri di Reggio Calabria, una volta appresa la notizia di quanto accaduto. Decisione sulla quale la Dda di Catanzaro si è trovata d’accordo con i militari di Reggio.
La giornalista, esercitando il proprio diritto di cronaca, si era avvicinata al banco dell’accusa dove il sostituto procuratore Antonio De Bernardo stava interrogando il collaboratore di giustizia Andrea Mantella per scattare una foto al pm. Poco dopo la cronista è stata chiamata dall’uomo, che le ha intimato bruscamente di cancellare le riprese che aveva fatto. Inutili le proteste della cronista che affermava di avere ogni diritto ad effettuare foto e video riprese. Marafioti l’ha spinta e costretta ad andare in un corridoio laterale all’aula bunker dove è stata trattenuta per oltre mezz’ora, costretta a cancellare le foto e si è vista prendere il cellulare dalle mani dal carabiniere per verificare che non vi fossero altre foto. Solo in seguito la cronista ha capito che l’uomo era il capo scorta del pm De Bernardo, apprendendone il nome da altre persone.
Nel corso di una pausa dell’udienza lo stesso magistrato è andato a manifestare solidarietà alla giornalista. Solidarietà espressa nell’immediato anche dagli altri esponenti delle forze dell’ordine presenti e dagli avvocati che hanno sollevato quanto accaduto davanti al Tribunale.
Dal canto suo, il presidente del Tribunale di Vibo Valentia, Brigida Cavasino, ha ribadito che le fotografie e le audio riprese sono consentite. Da parte presidente dell’ordine dei giornalisti della Calabria, Giuseppe Soluri è giunto lo sprone a fare chiarezza su tutta la vicenda. Sostegno alla cronista è stato espresso anche dall’Unci Calabria.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x