Ultimo aggiornamento alle 0:20
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

il caso

Crotone, è deceduta la 46enne che ha avuto un ictus dopo la prima dose

La donna era ricoverata in gravi condizioni all’ospedale Annunziata. Una «morte sospetta» che è stata segnalata all’Aifa

Pubblicato il: 18/06/2021 – 14:01
Crotone, è deceduta la 46enne che ha avuto un ictus dopo la prima dose

CROTONE È morta la donna di 46 anni che, lo scorso 27 maggio, aveva effettuato la prima dose di vaccino con il siero AstraZeneca. Si chiamava Irene Lomoro nata a Cerenzia e residente nella frazione Santa Rania di Caccuri. Lascia il marito e due figlie. Subito dopo la somministrazione del vaccino aveva avuto qualche malessere e dopo qualche giorno si era accorta di non potere muovere un braccio. Contattato il medico di famiglia è stata immediatamente trasportata al pronto soccorso di Crotone, dove i sanitari hanno disposto l’esecuzione di una tac. È stata la tac a evidenziare la presenza dell’ictus. Con l’elisoccorso è stata trasportata all’Annunziata di Cosenza nella speranza di risolvere il problema con un intervento chirurgico. La soluzione non è arrivata e la situazione clinica della donna si è ulteriormente aggravata. È stata intubata e mantenuta in vita con le macchine. Fino a quando ieri, 17 giugno, la donna è deceduta. I familiari hanno autorizzato l’espianto degli organi. Secondo quanto è stato possibile apprendere i sanitari dell’Annunciata hanno segnalato il caso all’Aifa. C’è il forte sospetto che la morte sia stata causata dal vaccino.

Era guarita dal Covid

La donna si era ammalata di Covid-19 lo scorso mese di dicembre. Si sospetta che il contagio lo abbia avuto lavorando in una Rsa di Cotronei. A maggio, quindi, si è prenotata all’hub di Mesoraca per la vaccinazione. Avendo avuto il Covid-19 sarebbe stato sufficiente effettuare la somministrazione di una sola dose. La dose scelta dai sanitari che operano a Mesoraca è stata quella di AstraZeneca. Intanto versa in grave condizioni anche la donna di 49 anni di Verzino, che ha effettuato la vaccinazione anti Covid lo scorso 30 maggio. Anche a questa donna è stata somministrata una dose di AstraZeneca. All’ospedale di Crotone hanno diagnosticato la presenza di emorragie all’apparato digerente.  

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x