Ultimo aggiornamento alle 12:55
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Lotta al Covid

Variante Beta: aumenta il rischio di ricoveri e decessi

Uno studio, pubblicato sulla rivista Lancet Global Health, rivela l’alta pericolosità del ceppo sudafricano del virus. Esaminati i casi in un anno dell’epidemia

Pubblicato il: 10/07/2021 – 9:50
Variante Beta: aumenta il rischio di ricoveri e decessi

La variante Beta del virus SarsCoV2, isolata per la prima volta in Sudafrica, potrebbe aumentare il rischio di ricovero e morte per Covid-19: lo indicano i dati raccolti in Sudafrica dal gruppo di ricerca guidato da Waasila Jassat, dell’Istituto nazionale per le malattie Trasmissibili (Nicd).
I risultati, pubblicati sulla rivista Lancet Global Health, sono presentati al congresso della Società europea di microbiologia clinica e malattie infettive (Eccmid).
Lo studio ha messo a confronto gli effetti della prima ondata di Covid-19 in Sudafrica, culminata nel luglio 2020, con la seconda ondata che ha raggiunto il picco nel gennaio 2021 con la variante Beta come predominante. In particolare, i ricercatori hanno preso in esame i dati raccolti dal sistema nazionale di sorveglianza attiva Datcov per quanto riguarda i ricoveri avvenuti tra il 5 marzo 2020 e il 27 marzo 2021.

Numeri allarmanti

I numeri dimostrano che la seconda ondata è stata nettamente più pesante della prima, sia per quanto riguarda il numero di contagi (240 casi ogni 100.000 abitanti contro i 136 della prima ondata), ricoveri (28 ogni 100.000 abitanti vs 16) e decessi ospedalieri (8,3 ogni 100.000 abitanti vs 3,6). La crescita media settimanale dei ricoveri si è impennata dal 20% della prima ondata al 43% della seconda. Dalla rielaborazione dei dati emerge anche un aumento del 31% del rischio di decesso in ospedale.
Alla luce di questi dati, i ricercatori concludono che «in Sudafrica la seconda ondata si è associata a una maggiore incidenza di Covid-19, un incremento più rapido dei ricoveri e un’aumentata mortalità in ospedale».
Sebbene l’aumento della mortalità possa essere parzialmente spiegato dalla maggiore pressione sul sistema ospedaliero e dal fatto che nella seconda ondata sono state ricoverate persone più anziane, «un aumento residuale della mortalità tra i pazienti ricoverati potrebbe essere legato alla variante Beta».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb