Ultimo aggiornamento alle 22:43
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

la relazione prefettizia

«Gigliotti getta fango su di noi, ma favoriva personaggi “chiacchierati”»

Continuano le polemiche sullo scioglimento. «Gli inquirenti la definiscono “mero amministratore di comodo” della cosca»

Pubblicato il: 08/10/2021 – 15:47
«Gigliotti getta fango su di noi, ma favoriva personaggi “chiacchierati”»

Riceviamo e pubblichiamo.

Gentile direttore,
abbiamo letto con estrema attenzione l’intervento dell’ex sindaco Fernanda Gigliotti sul Suo quotidiano a commento della relazione della Commissione d’accesso prefettizia, dopo l’inchiesta Alibante, propedeutica allo scioglimento del Comune di Nocera Terinese. Nella sua replica, l’ex sindaco Gigliotti, dopo aver scritto che la ’ndrangheta, in occasione delle elezioni comunali del 2018, avrebbe formato una “terza lista di disturbo”, cioè la nostra, affermazione calunniosa per la quale risponderà in Tribunale, afferma anche che la ’ndrangheta si sarebbe infiltrata nelle liste «anche alle elezioni del 2016» (quelle che ha visto il nostro gruppo politico e l’ex sindaco Gigliotti alleati e vittoriosi) e che, scrive Gigliotti, «il pesante clima di condizionamento io e il mio gruppo del ‘Paese che Vogliamo’ l’abbiamo subito sulla nostra pelle già quando venni eletta sindaco di Nocera nel 2016 e sfiduciata dagli alleati di governo solo dopo 19 mesi per aver detto i troppi no all’ufficio tecnico e a quello amministrativo». Premesso che l’ex sindaco Gigliotti verrà immediatamente querelata anche per questa ennesima calunnia (la nostra sfiducia al sindaco è derivata da motivazioni esclusivamente politiche e amministrative, nonché per la sua tendenza a favorire personaggi pieni di ombre e più che “chiacchierati”), è del tutto evidente che si tratti di un disperato tentativo per distogliere l’attenzione da quanto emerso prima dalle carte dell’inchiesta Alibante e poi dalla relazione prefettizia. Proprio quest’ultima, infatti, si sofferma sulla figura dell’ex sindaco Gigliotti e sottolinea: «Per meglio comprendere la portata della metodologia infiltrativa messa a punto dalla cosca si pone in risalto la circostanza che, nel corso delle operazioni elettorali del 2019, anche la lista civica n.1 ‘Il paese che vogliamo’, soccombente all’esito dello scrutinio elettorale, era sotto il sostanziale controllo dei ‘OMISSIS’, esercitato attraverso un referente occulto, affiliato alla cosca ed identificato nell’imprenditore ‘OMISSIS’. Dagli accertamenti investigativi emerge difatti che l’obiettivo del ‘OMISSIS’, anch’egli raggiunto da misura cautelare restrittiva ex art. 416 bis c.p. il 3 maggio scorso, stretto sodale della cosca, sarebbe stato quello di disporre della macchina amministrativa dell’Ente locale, potendo agire direttamente anche sulla candidata a Sindaco ‘OMISSIS’ che gli inquirenti definiscono mero amministratore di comodo, nei compiti e nella posizione evidentemente assegnata dalla consorteria qualora fosse stata eletta». D’altronde, il Gip che ha firmato l’ordinanza di custodia cautelare ‘Alibante’, scrive che «dietro la candidatura di Fernanda Gigliotti vi era la regia occulta» di uno degli indagati (uno dei principali), tanto che, aggiunge il Gip, «l’attività di intercettazione consentiva di accertare numerosi colloqui tra l’indagato e la candidata alla carica di sindaco che dimostravano come quest’ultima fosse una semplice pedina nelle mani» dello stesso indagato. Dunque, se oggi l’ex sindaco Gigliotti tenta di gettare fango sull’unico gruppo politico nemmeno sfiorato dall’inchiesta né dalla relazione prefettizia, vale a dire il nostro, e se cerca contemporaneamente di insinuare il sospetto che se la sua lista nel 2019 è stata “infiltrata” dalle cosche è accaduto a sua insaputa, ciò che emerge dalle carte di “Alibante” e dalla relazione del prefetto testimonia esattamente il contrario.

Gruppo politico “Ripartiamo”

Gaspare Rocca
Ex sindaco Nocera Terinese

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x