Ultimo aggiornamento alle 9:47
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

l’obbligo

Lavoro e Green Pass, all’ex Sir di Lamezia si va avanti. «Lavoriamo come sempre» – VIDEO

Nella zona industriale più grande della Calabria nessuna attività produttiva ha segnalato resistenze o diserzioni dal luogo di lavoro

Pubblicato il: 15/10/2021 – 12:14
di Giorgio Curcio
Lavoro e Green Pass, all’ex Sir di Lamezia si va avanti. «Lavoriamo come sempre» – VIDEO

LAMEZIA TERME L’eco delle proteste, delle manifestazioni e dei “no” qui non si sente nemmeno. Come ogni mattina, anche oggi decine di persone si sono messe al lavoro, sfidando l’alba e il clima autunnale di ottobre che ancora lascia spaesati dopo una lunga e soleggiata estate.  

L’obbligo del Green Pass

Il Green Pass obbligatorio sui luoghi di lavoro, imposto dal Governo Draghi, non rappresenta affatto un ostacolo, neanche motivo di lamentele sommesse, nulla. Nell’area ex-Sir di Lamezia Terme, la più grande zona industriale della Calabria con decine di stabilimenti produttivi – forse – a fare notizia e “rumore” è il numero delle aziende attive che, negli anni, si è ridotto notevolmente. Un declino che ha lasciato dietro di sé edifici abbandonati, scheletri e segni di un’epoca e di una gloria finita ormati da tanto tempo. Ma che non ha comunque scalfito l’entusiasmo degli imprenditori rimasti e dei lavoratori.

area industriale ex sir

«Si lavora come sempre»

Qui nessuna attività produttiva ha segnalato resistenze o diserzioni dal luogo di lavoro. «Stamattina abbiamo esibito il green pass tranquillamente, così come ha disposto l’azienda», ci dice a telecamere spente un dipendente di una nota azienda impiegata nella gestione dei rifiuti. «Siamo venuti al lavoro come sempre, con lo stesso entusiasmo». E nel frattempo altri dipendenti dell’azienda continuano a lavorare normalmente, pronti a sfidare un’altra lunga giornata prima del weekend.

Lavoro e futuro

Quello che manca da queste parti non è la disponibilità a rispettare regole e imposizioni che comunque la si pensi convergono tutte verso un obiettivo comune: la ripartenza totale e in presenza di tutte le attività lavorative, salvaguardando la salute di tutti. Semmai, a preoccupare, è la mancanza di certezze sul futuro occupazionale.

Nel resto della Calabria

Insomma, lo stesso clima che si respira, per esempio, al Porto di Gioia Tauro o all’Hitachi di Reggio Calabria, sebbene qui non tutti abbiano rispettato le imposizioni del Governo Draghi sull’obbligo del green pass, con la presenza di un piccolo gruppo di lavoratori che dissente con qualche collega che è presente per manifestare la propria solidarietà (QUI LA NOTIZIA).

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x