Ultimo aggiornamento alle 17:16
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 5 minuti
Cambia colore:
 

sanità

Spoke Sibaritide, ci sarà un solo pronto soccorso al Giannettasio

La Regina riorganizza gli ospedali: «Stroke Unit a Corigliano e Polo cardiologico a Rossano. Concorsi per rafforzare il management»

Pubblicato il: 16/11/2021 – 13:43
Spoke Sibaritide, ci sarà un solo pronto soccorso al Giannettasio

CORIGLIANO ROSSANO Ci sono novità positive per i servizi sanitari degli ospedali Spoke di Corigliano Rossano, l’atto aziendale che designa una nuova rete di prestazioni enei nosocomi è stato approvato e a breve sarà restituito alla Regione Calabria dall’ufficio del commissario dell’Asp di Cosenza. «Oggi bisogna avere il coraggio di fare delle scelte e, perché no, anche saper essere consapevoli che per migliorare le cose bisogna fare delle rinunce». Sono le parole del commissario dell’Azienda sanitaria di Cosenza, Vincenzo la Regina, intervenuto ieri sera all’Eco in Diretta, il talk televisivo del Corriere della Calabria – Eco dello Jonio che tiene aperto un forum permanente sulla Sibaritide-Pollino. Il massimo dirigente dell’Asp non ha esitato a spiegare che: due dei problemi più importanti e impellenti da aggredire e risolvere per rendere più efficienti i due ospedali spoke di Corigliano-Rossano sono le questioni legate ad una migliore funzionalizzazione dei reparti e alla riorganizzazione dei Pronto soccorso.

Il pronto soccorso sarà a Rossano e il punto di primo intervento a Corigliano

Un’annosa questione che La Regina vuole sbrogliare dopo quasi un decennio di tentennamenti, e di scelte non fatte. Partiamo dai Pronto soccorso, tasto critico e dolente. Mai nessuno fino ad oggi è stato pubblicamente così chiaro come La Regina rispetto a quello che si deve fare per rimettere in pari i servizi dei due grandi ospedali della Sibaritide. «Se io avessi trovato un apparato burocratico importante e operatori sanitari sul territorio – ha detto il Commissario dell’Asp di Cosenza – è chiaro che tutto sarebbe stato più semplice». Sicuramente non saremmo arrivati alle condizioni in cui versa oggi la sanità alle latitudini ioniche. «Se vogliamo riorganizzare lo spoke sui due presidi – ha ribadito – è chiaro che diventa problematico dover gestire due Pronto soccorso sul piano delle risorse umane». E questo perché se per uno spoke è prevista una dotazione di personale congrua ad assolvere determinate funzioni non è immaginabile né giustificato raddoppiare il numero di medici, infermieri e oss per quella che sulla carta dovrebbe essere un’unica unità operativa. «Ecco perché domani  – ha precisato ancora La Regina – dobbiamo avere la capacità di immaginare un Pronto soccorso importante nel presidio di Rossano ed un punto di primo intervento a Corigliano così che, in modo integrato, possano soddisfare la domanda di emergenza-urgenza». Di fatto è quello che già accade, se si leggono i numeri di accesso ai due presidi, ma con il personale distribuito in modo non efficiente. «Non si può pensare – ha ricordato in modo perentorio il commissario dell’Asp di Cosenza – di tenere aperti due presidi h24 perché non ci sarebbero le risorse per farlo».

L’evoluzione 2.0 per gli spoke di Corigliano-Rossano

Poi c’è la questione ancora più complessa e della connotazione strategica degli stabilimenti ospedalieri di Corigliano-Rossano: la loro destinazione d’uso. La Regina ed il suo management hanno pensato di suddividere i presidi impostando due servizi: la stroke unit ed il polo cardiologico-utic. Un’evoluzione 2.0 e forse anche di superamento rispetto a quelle che un tempo erano l’area medica e l’area chirurgica. «Entro fine anno – ha dichiarato La Regina mantenendo la formula condizionale – dovremmo avere ripristinata l’Unità di terapia intensiva coronarica a Rossano». I lavori di ristrutturazione del reparto sono in fase di completamento ed è stato anche bandito il concorso per il nuovo direttore di Cardiologia che andrà a prendere il posto del dottore Giovanni Bisignani (ad oggi reggente ad interim). «Avremo un reparto importante di Cardiologia con una propria governance e una sua autonomia».

Al reparto di Cardiologia non è ancora prevista l’Emodinamica

Rispetto alla possibilità di avere insieme al reparto di Cardiologia-Utic anche il servizio di Emodinamica, secondo La Regina è un’ipotesi che per il momento rimane esclusa da quella che dovrebbe essere l’immediata riorganizzazione dei due ospedali. «A riguardo – ha precisato – abbiamo un’emodinamica già operativa e funzionante al Ferrari di Castrovillari ed un’altra privata sul Tirreno. Certo – ha aggiunto – se le condizioni dovessero permetterlo siamo pronti ad attivarla anche nello spoke di Corigliano-Rossano». In realtà le “condizioni” potrebbero già esserci, considerata la vastità del territorio e la baricentricità di Corigliano-Rossano oltre che le carenze di connessioni tra la Sibaritide con il resto della provincia.  

La possibilità di attivare la Stroke Unit a Corigliano

Per il “Compagna”, invece, si apre una nuova prospettiva. «Essendoci a Corigliano – ha ricordato ancora La Regina – l’unità operativa di Neurologia abbiamo la possibilità di far partire la stroke unit». Ovvero un reparto dedicato esclusivamente alle malattie cerebrovascolari, con un team multidisciplinare formato da medici, infermieri, tecnici della riabilitazione e personale di supporto. Insomma, importanti servizi, inquadrati nel complesso dell’emergenza-urgenza, che danno fiducia sul futuro dei due presidi.

Concorsi per rafforzare il management dello spoke

Ma le novità non finiscono qui. Perché considerate le ataviche carenze della struttura dirigenziale degli ospedali spoke di Corigliano-Rossano, nell’immediato sarà potenziato anche il management dello spoke. «Abbiamo indetto concorsi – ha annunciato La Regina – per rafforzare la direzione sanitaria e per fare in modo che ci sia una presenza più attiva e più costante». Queste le intenzioni e le premesse che, La Regina dovrà riuscire a realizzare per dare uno scossone alla rete ospedaliera della sibaritide e migliorare la sanità pubblica per i cittadini del territorio.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x