Ultimo aggiornamento alle 10:05
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

La riflessione

Sacal, Guarascio: «Serve una nuova società per promuovere la Calabria»

Il consigliere comunale di Lamezia: «È il caso di voltare pagina e lavorare per una azienda che sappia guidare i processi»

Pubblicato il: 19/11/2021 – 15:55
Sacal, Guarascio: «Serve una nuova società per promuovere la Calabria»

LAMEZIA TERME «L’attenzione che in questi giorni si è accesa sugli aeroporti calabresi, sulla composizione societaria della Sacal e sul ruolo che le istituzioni e la mano pubblica devono e dovranno avere sul destino dell’azienda merita un punto di partenza altro e alto». Lo afferma in una nota Eugenio Guarascio, consigliere comunale di Lamezia Terme.
«Il disegno che serve alla Calabria è quello di una rete logistica e infrastrutturale robusta, che tenga insieme lo scalo di Lamezia come porta di ingresso e di uscita della Calabria verso il Mediterraneo e il corridoio europeo, e il porto di Gioia Tauro, sviluppando al massimo l’intermodalità e l’imminente realizzazione (speriamo) dell’Alta velocità. Su questi grandi temi – prosegue la nota – deve misurarsi la società di gestione degli aeroporti, all’interno della quale pubblico e privato devono sviluppare preziose e trasparenti sinergie, al di là di chi detenga le quote di maggioranza purché, però, tutti i partner siano all’altezza del compito che devono assolvere per il futuro della Calabria. La Sacal ha finora assolto a questa missione? Direi di no ed è per questo motivo, io credo, debba nascere una nuova società, con i modi e le scadenze previste dalla legge, magari con un bando cui possano partecipare grandi investitori italiani e stranieri, così com’è accaduto in altri grandi scali aeroportuali del nostro Paese».
«La vera domanda che finora è mancata dal dibattito pubblico scatenato dall’intervento del presidente della Regione, Roberto Occhiuto, è infatti una sola: quale progetto di rilancio può promuovere per la Calabria la società che ha in gestione tre scali aeroportuali, di cui uno, quello di Lamezia Terme, internazionale? Quali leve di sviluppo attivare per una regione che ha urgenza di rompere una condizione di isolamento e marginalità? Credo che il primo passo da compiere quando si parla del futuro della rete aeroportuale calabrese – dichiara ancora Guarascio – sia proprio quello di chiarire la mission della società di gestione, soffermandosi sulla grande forza espansiva che essa può produrre per l’economia regionale in termini di libera e piena circolazione di merci e persone. Fino ad ora questo orizzonte di crescita solo in minima parte ha orientato le scelte manageriali della Sacal».
«Oggi, alle soglie dell’attuazione del Piano nazionale di resistenza e resilienza, con il carico di investimenti e nuove risorse in arrivo, s’impone un salto di qualità nella programmazione della società aeroportuale, cercando e trovando nel più breve tempo possibile un assetto manageriale moderno, capace e all’avanguardia che sappia mettere a sistema le opportunità legate a Pnrr. È, dunque, il caso di voltare pagina e lavorare – conclude il consigliere comuna di Lamezia Terme – nel rispetto di norme e leggi, per una nuova azienda che sappia guidare i processi e condurre la Calabria verso un futuro di opportunità ed emancipazione».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x