Ultimo aggiornamento alle 21:13
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

dal nazionale

Omicidio di Dario Angeletti a Tarquinia: fermato un uomo

Svolta nel giallo della morte del professore dell’Università della Tuscia. L’indiziato si trova ora in ospedale

Pubblicato il: 09/12/2021 – 10:06
Omicidio di Dario Angeletti a Tarquinia: fermato un uomo

TARQUINIA C’è un fermo per l’omicidio del professore universitario Dario Angeletti, ucciso con un colpo di pistola martedì a Tarquinia, in provincia di Viterbo. Si tratta di un uomo che ora è stato trasferito all’ospedale Belcolle di Viterbo, in quanto colto da malore dopo il fermo. La svolta sulla morte del docente potrebbe essere impressa nelle immagini di una telecamere di videosorveglianza.
Secondo quanto riporta il Corriere della Sera si tratterebbe di un ex collaboratore della stessa università, qualche anno più grande del docente ucciso, che in passato avrebbe lavorato con Angeletti al Centro Ittiogenico di Tarquinia che si trova a poche centinaia di metri dal parcheggio per camper dove il 50enne è stato trovato morto martedì pomeriggio, freddato da quello che sembra un colpo d’arma da fuoco di medio calibro. La risposta ufficiale arriverà dall’autopsia oggi a Roma all’Istituto di medicina legale della Sapienza, ma nell’ultimo sopralluogo, proprio nel terreno dove era parcheggiata la Volvo grigia della vittima, è stato trovato un bossolo: sarà confrontato con l’ogiva che potrebbe essere recuperata nell’esame autoptico. Di sicuro chi ha ucciso Angeletti è salito a bordo della sua auto dal lato passeggero e l’ha colpito alla tempia destra. Gli inquirenti escludono per ora il movente legato alla vita professionale di Angeletti riconducendolo alla sfera privata.

L’individuazione del sospettato

Come ricostruisce la testata locale Tuscia Web un ruolo decisivo hanno avuto le telecamere di sorveglianza presenti nella zona. Le immagini hanno permesso ai carabinieri di concentrarsi sulle auto in transito nel parcheggio durante l’orario del delitto. In particolare quella dell’indiziato numero uno. Intorno alle 23 di martedì i carabinieri hanno bussato alla sua porta per una perquisizione. Alla vista dei militari l’uomo ha accusato un malore ed è stato portato in ospedale dov’è piantonato dalle forze dell’ordine. Per il momento non è né in stato di fermo né in arresto.

Sospesi gli eventi per l’8 dicembre

In segno di lutto, il sindaco di Tarquinia, Alessandro Giulivi ha annullato tutti gli eventi per l’8 dicembre. «Era il minimo che potessimo fare dopo quello che è successo: il professor Angeletti collaborava con noi da tempo in una serie di progetti ambientali. Una persona perbene, grande professionista», spiega il primo cittadino.

Un’esecuzione che ha sconvolto Tarquinia

Le modalità dell’esecuzione avevano fatto pensare a un regolamento di conti in stile malavitoso, dice sempre il Corriere della Sera, motivo che aveva destato preoccupazione nella cittadina. Anche per questo il sindaco Giulivi ha dato incarico (confermato oggi dalla giunta) all’avvocato Paolo Pirani — il legale della famiglia di David Rossi, il capo della comunicazione di Mps morto in circostanze misteriose nel 2013 — «di difendere in tutte le sedi l’immagine della nostra città, oscurata da un evento drammatico come questo. Saremo parte civile contro chi ha ucciso il professore».
I carabinieri del comando provinciale di Viterbo e della compagnia di Tuscania, coordinati dalla Procura di Civitavecchia, hanno sentito parenti e amici della vittima, così come alcuni colleghi di lavoro. Interrogato anche uno dei due figli del docente, che viveva in campagna con lui, la sorella e la moglie, una veterinaria tedesca. La pista di un omicidio maturato nella sfera privata del 50enne , forse anche di quella sentimentale, sembra quella seguita con maggiore convinzione.
Chi lo conosceva descrive Angeletti come «molto appassionato del suo lavoro, amante delle moto e delle gite in barca a vela, disponibile con tutti, tanto più con i suoi studenti, e lontano da qualsiasi bega professionale», potrebbe essere finito in quel parcheggio dopo essersi dato un appuntamento con qualcuno che sapeva come arrivarci e andare via.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x