Ultimo aggiornamento alle 18:20
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

l’incontro

Sbarra: «Bene la Manovra, ha profili sociali importanti»

Il segretario della Cisl al “Parlamento delle imprese” della Camera di commercio di Cosenza. Algieri: «Importanti i corpi intermedi»

Pubblicato il: 04/01/2022 – 19:00
Sbarra: «Bene la Manovra, ha profili sociali importanti»

COSENZA «Gli obiettivi e gli indirizzi rimangono quelli di sempre, ma quello che ci divide è la valutazione dei risultati. Sosteniamo che questa legge di bilancio – ha aggiunto il segretario della Cisl – ha un profilo espansivo, coesivo, con forti segnali di redistribuzione. Ecco perché abbiamo valutato positivamente i contenuti di una legge partita male ma che grazie al confronto presenta profili sociali importanti». A dirlo il segretario generale della Cisl Luigi Sbarra – oggi alla Camera di commercio di Cosenza per partecipare al “Parlamento delle imprese” cosentine – in merito alla divisione dagli altri sindacati.
«Si tagliano le tasse a lavoratori dipendenti, pensionati e famiglie – ha aggiunto – si finanzia una riforma degli ammortizzatori sociali, ci sono risorse per rinnovare i contratti pubblici, si stanziano risorse importanti sulla sanità pubblica. Dobbiamo contrastare l’aumento dell’inflazione, sostenere le famiglie e le fasce deboli sull’aumento delle tariffe energetiche, affrontare insieme il tema del cambiamento della riforma Fornero in materia pensionistica e una politica dei redditi. Elementi che ci portano a rivendicare un nuovo e moderno patto sociale per la crescita, lo sviluppo, il lavoro e il Mezzogiorno. Se mettiamo insieme tutte le fonti di finanziamento, nei prossimi anni ci sono duecento miliardi di euro per il Sud, ecco perché bisogna ritrovarsi in un cammino partecipato, condiviso e in un confronto strutturale permanente con il governo, con le ragioni e con le parti sociali. Dobbiamo lavorare per unire il Paese e fare vere politiche di coesione sociale».
«L’economia digitale – ha poi detto Sbarra – ci può aiutare ad uscire dalle secche di questa crisi, coniugando flessibilità e competitività con grandi investimenti sull’efficienza della pubblica amministrazione e il rilancio del sistema industriale e dei servizi. Bisogna puntare alla qualità del lavoro rimettendo al centro anche il valore della persona, la qualità e la stabilità. La formazione è l’elemento centrale per fare questo».

Il ruolo dei corpi intermedi

All’incontro di questa mattina, dal titolo L’economia digitale e il cambiamento del modello sociale e introdotto da Erminia Giorno, segretario generale della Camera di Commercio di Cosenza, è intervenuto Klaus Algieri, presidente dell’ente camerale bruzio. Che si è soffermato sul ruolo dei corpi intermedi: «Si stanno attrezzando per sostenere nel loro lavoro le istituzioni». «Abbiamo una grande responsabilità – continua Algieri – e concordo con il segretario Cisl Luigi Sbarra sulla necessità di puntare e investire sulla formazione». «In tal senso – conclude – lavoreremo per rendere concreto il patto sociale con il sindacato, abbiamo posto la nostra firma mesi fa ed ora sarà necessario attuarlo». (f.b.)

Il video speciale

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb