Ultimo aggiornamento alle 22:43
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

l’interrogazione

Nuovi ospedali, il centrosinistra interroga Occhiuto: qual è lo stato dell’arte?

Bruni, Irto e Tavernise chiedono al governatore e commissario di conoscere il cronoprogramma dei lavori: «Riferisca in Consiglio regionale»

Pubblicato il: 18/01/2022 – 14:16
Nuovi ospedali, il centrosinistra interroga Occhiuto: qual è lo stato dell’arte?

CATANZARO Conoscere «il dettagliato programma dei lavori per singola concessione». Il centrosinistra interroga il presidente della Regione e commissario della sanità calabrese Roberto Occhiuto sulla realizzazione dei nuovi ospedali: a presentare l’interrogazione sono il capogruppo del Misto Amalia Bruni, il capogruppo del Pd Nicola Irto e il capogruppo del Movimento 5 Stelle Davide Tavernise. Nell’interrogazione, Bruni, Irto e Tavernise illustrano l’iter per la realizzazione dei nuovi ospedali, ili cui inizio risale addirittura a 15 anni fa, al 6 dicembre del 2007 quando – spiegano gli esponenti del centrosinistra in Consiglio regionale – è stato stipulato un protocollo d’intesa tra il Ministero della Salute e la Regione Calabria per la realizzazione di nuovi ospedali: Sibaritide, Vibo Valentia, Piana di Gioia Tauro e Catanzaro. Il 13 dicembre 2007 di concerto con il Ministero della Salute, il Ministero dell’Economia e delle Finanze e la Regione Calabria viene sottoscritto l’accordo di programma integrativo 2007 per il settore degli investimenti sanitari per la realizzazione dei quattro nuovi ospedali (Catanzaro, Piana di Gioia Tauro, Sibaritide e Vibo Valentia) per un importo complessivo di euro 285.589.141,17 tra risorse statali e regionali. Nuovo ospedale della Sibaritide euro 77.000.000,00; Complesso ospedaliero di Catanzaro euro 99.000.000,00; nuovo ospedale di Vibo Valentia euro 43.589.141,77; nuovo ospedale della Piana di Gioia Tauro euro 66.000.000,00». Dopo aver ricordato le varie vicissitudini che hanno fermato o rallentato l’iter per la costruzione degli ospedali (tra queste, la revoca dell’interdittiva antimafia alla Tecnis vincitrice dell’appalto per Gioia Tauro e Sibaritide, il rischio idrogeologico del sito individuato per l’ospedale di Vibo e la mancata integrazione tra gli ospedali che ha di fatto portato allo stralcio del nuovo presidio del capoluogo dall’Apq), Bruni, Irto e Tavernise chiedono al governatore e commissario Occhiuto di sapere «il dettagliato programma dei lavori per singola concessione, se si è determinato nuovo fabbisogno finanziario alla luce delle tante interferenze verificatesi; se hanno verificato esserci le condizioni per concordare con le imprese concessionarie piani di attività, anche con più turni di lavorazioni, al fine di poter recuperare, sia pure in parte, i tempi di consegna delle opere e, in caso affermativo, se sono intenzionati a riferirne al consiglio regionale e alla commissione competente in termini di ricadute sulla qualità e l’appropriatezza degli interventi».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x