Ultimo aggiornamento alle 18:53
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

L’intervento

Dissesto idrogeologico. Sapia alla Regione: «Maggiore tutela del territorio»

Appello del segretario generale nel corso del comitato esecutivo della Fai Cisl: «La frana di Nocera è l’ennesimo campanello d’allarme»

Pubblicato il: 24/03/2022 – 19:09
Dissesto idrogeologico. Sapia alla Regione: «Maggiore tutela del territorio»

LAMEZIA TERME Si è svolta oggi, in videoconferenza, la riunione del Comitato esecutivo della Fai Cisl Calabria, aperta dalla relazione introduttiva del Segretario Generale Michele Sapia. Ha partecipato ai lavori anche il Segretario Generale della Cisl Calabria Tonino Russo. Lo comunica una nota dell’organizzazione di categoria che aggiunge: «Durante l’incontro è stato approvato il bilancio consuntivo 2021 della Federazione regionale e definiti alcuni aspetti organizzativi in occasione del Congresso nazionale che si svolgerà a San Giovanni Rotondo dal 4 al 7 aprile, al quale parteciperanno 26 delegati della Fai Cisl calabrese». «Durante l’esecutivo – è detto – tanti i temi affrontati riguardanti i settori di competenza, che hanno visto una Federazione regionale propositiva, per nuovi obiettivi a favore delle persone e del lavoro».
Sapia ha richiamato l’attenzione sul valore strategico della prevenzione e manutenzione del territorio. «La frana di Nocera Terinese di due giorni fa, che ha portato alla chiusura del tratto autostradale tra Falerna San Mango d’Aquino – ha sottolineato – è la prova evidente che senza prevenzione e manutenzione costante, si mette in crisi l’intero sistema produttivo. Infatti, il crollo, come spiegato dalla Protezione Civile, è stata innescato da perdite idriche riconducibili al danneggiamento di un acquedotto; e questo, purtroppo, è in questi anni soltanto l’ultimo evento di un lunghissimo elenco. Per queste ragioni non ci stancheremo mai di evidenziare la necessità di più prevenzione, investimenti in manutenzione e riforestazione in una regione come la nostra, prevalentemente montana e collinare, costantemente minacciata dal dissesto idrogeologico».

La videoconferenza della riunione del del Comitato esecutivo della Fai Cisl Calabria


«Servono – ha continuato il segretario della Fai Cisl Calabria – politiche regionali per le future generazioni e per la tutela del territorio, che abbiano come dimensione privilegiata la valorizzazione del lavoro. È necessario sostenere il confronto regionale sulla centralità del lavoro agro-ambientale-forestale, che abbia come temi nevralgici e programmatici la sicurezza sui luoghi di lavoro, il ricambio generazione, la contrattazione, la formazione e l’informazione».
«Questa frana, che di fatto ha diviso in due la nostra regione – ha sottolineato Sapia – rappresenta una sorta di metafora: le divisioni creano soltanto enormi danni, relegandoci sempre agli ultimi posti; invece, il lavorare insieme, condividendo obiettivi, socializzando proposte e coordinando interventi, è l’unica strada percorribile per valorizzare il patrimonio agroalimentare e ambientale calabrese, creare prospettive di crescita e opportunità occupazionali per le future generazioni.
La Fai Cisl Calabria è pronta ad affrontare queste sfide e dare il suo contributo propositivo a sostegno del lavoro agricolo di qualità, del lavoro forestale e per il sistema della bonifica, che possono rappresentare leve fondamentali per limitare la desertificazione demografica. Infine, nel settore della bonifica, considerati i notevoli ritardi nel pagamento dei salari che stanno mettendo in ginocchio centinaia di famiglie e vista l’emergenza ormai cronica che caratterizza molto Enti Consortili di tutto il territorio regionale, è urgente un immediato cambio di passo».
«La convocazione, su questo tema, da parte della VI Commissione del Consiglio regionale rappresenta, assieme al confronto avviato dall’Assessorato all’agricoltura – ha concluso Michele Sapia – un primo positivo riscontro per affrontare difficoltà e socializzare le proposte sindacali a favore del comparto della bonifica calabrese».
Nel suo intervento, il Segretario Generale della Usr Cisl Calabria Tonino Russo si è soffermato soprattutto sugli avvenimenti che stanno sconvolgendo le vite di tutti, in primis la guerra in Ucraina: «Condividiamo pienamente la posizione del segretario generale della Cisl Luigi Sbarra rispetto al conflitto. In un quadro del genere non si può essere equidistanti, ma solo essere vicini a chi sta subendo la violenza. Encomiabile l’iniziativa di raccolti fondi della Cisl per le famiglie e i profughi ucraini. Dopo il coronavirus, non ancora sconfitto, ora questa drammatica situazione rischia di frenare pesantemente anche la ripresa economica in Calabria. Per questo, come Cisl regionale abbiamo il compito di rafforzare il nostro impegno per la messa a terra dei progetti e l’utilizzo efficace delle risorse del Pnrr per la crescita del nostro territorio».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x