Ultimo aggiornamento alle 17:00
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

la protesta

Cosenza, lunedì sit-in della Cgil sulla situazione delle ludoteche

Il sindacato chiede all’amministrazione comunale di fare chiarezza e di dare risposte

Pubblicato il: 06/05/2022 – 7:43
Cosenza, lunedì sit-in della Cgil sulla situazione delle ludoteche

COSENZA «Sappiamo benissimo le difficoltà dell’amministrazione, ma riteniamo che dare risposte a ragazzi e famiglie investendo nel sociale non sia mai un costo ma un investimento per il futuro. Per queste ragioni lunedì mattina alle ore 10.00 saremo davanti al Comune per chiedere all’amministrazione di fare chiarezza e dare risposte certe alle lavoratrici e alla comunità». Lo affermano il segretario della Cgil Cosenza Umberto Calabrone e il segretario della Fp Cgil Cosenza Alessandro Iuliano annunciando un sit-in sulla situazione di difficoltà delle ludoteche cittadine. «Le ludoteche comunali – ricordano Calabrone e Iuliano – sono state istituite da oltre 25 anni nei quartieri fragili della città di Cosenza: Via Popilia (presso la sede dell’ex Circoscrizione) Serra Spiga (presso il Centro Anziani) e Centro Storico (presso la Casa delle Culture), hanno rappresentato punto di riferimento per intere famiglie attraverso attività di doposcuola, servizi di promozione del diritto al gioco, Laboratori di arte e di riciclo creativo, attività motorie e sportive oltre a promuovere la lettura attraverso una Biblioteca dei ragazzi. I servizi rappresentano dei veri e propri laboratori sociali che si pongono l’obiettivo di valorizzare i territori complessi che li ospitano, in contesti marcati da una profonda fragilità e da una condizione, in alcuni casi, allarmante di povertà educativa. All’interno delle ludoteche comunali sono impiegati 14 educatori, tutti con contratto part-time a tempo indeterminato. Nel corso del tempo – rilevano i dirigenti dell Cgil di Cosenza – le strutture sono state di fatto depotenziate dal punto di vista degli investimenti, a fronte di un servizio che però, con mille difficoltà è stato svolto sempre con grande attenzione e qualità. Oggi, nonostante in bilancio siano iscritti 100.000 euro, e nonostante le tante sollecitazioni all’amministrazione per affidare il servizio non è stato fatto nessun passo in avanti. Sappiamo benissimo le difficoltà dell’amministrazione, ma riteniamo che dare risposte a ragazzi e famiglie investendo nel sociale non sia mai un costo ma un investimento per il futuro. Per queste ragioni – conclusono Calabrone e Iuliano – lunedì mattina alle ore 10.00 saremo davanti al Comune per chiedere all’amministrazione di fare chiarezza e dare risposte certe alle lavoratrici e alla comunità».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x