Ultimo aggiornamento alle 13:56
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 5 minuti
Cambia colore:
 

la polemica

«Da Mascaro troppa fretta di demolire l’ex Cantina sociale»

Continua la polemica a Lamezia Terme. Associazioni e movimenti: «Bisogna escludere che ci siano stati imponenti solleciti»

Pubblicato il: 14/06/2022 – 12:41
«Da Mascaro troppa fretta di demolire l’ex Cantina sociale»

Continua, a Lamezia Terme, il dibattito sulla demolizione dell’ex Cantina sociale di Sambiase, bene che il Comune aveva posto nella lista di quelli alienabili e che è stato abbattuto. Al suo posto sorgerà un ipermercato. Il centrosinistra ha annunciato battaglia sostenendo che la pratica sia irregolare. Hanno risposto sia il progettista (il consigliere comunale di Fratelli d’Italia Pietro Gallo) che il sindaco. Oggi movimenti e associazioni che chiedono chiarezza sull’iter rilanciano.

Come tutti quelli che non hanno argomenti il Sindaco Mascaro ha avuto al suo solito una immediata reazione scomposta, aggressiva, supponente e sfuggente verso l’istanza di revoca in autotutela del permesso di costruire l’ex Cantina Sociale di Sambiase, a lui inviata solo per conoscenza.
Però noi, nell’interesse della città, non ci scoraggiamo e non rinunciamo a porci e a porgli alcune domande, con la cocciuta speranza d’ottenerne questa volta risposte serie o quantomeno pacate.
Ci chiediamo innanzitutto che fretta c’era (maledetta sicumera) a spingerlo, appena reinsediato dal Tar col momentaneo annullamento del terzo scioglimento del Comune per infiltrazioni mafiose che ci ha regalato, a riprendere tra i primissimi atti di Giunta proprio l’inserimento dell’ex Cantina Sociale tra i beni da alienare, visto che sulla stima economica dell’immobile la Commissione d’accesso inviata dal Prefetto aveva mosso pesanti e puntuali rilievi.
Se di sfida si trattò, fu lanciata davvero nell’interesse della città?
E ancora, visto che Sindaco e Assessore al ramo hanno rivendicato la legittimità amministrativa del Permesso di Costruire, ci chiediamo che fretta c’era a non attendere la risposta della Regione alla strana seconda istanza con cui il Dirigente comunale riproponeva l’abnorme richiesta di applicare al progetto di demolizione della Cantina depositato nel 2020 il famigerato art. 9 ter della legge regionale n. 7/2012, visto che la stessa Regione aveva poco prima già espresso un chiaro no, spiegando che quella norma transitoria era palesemente applicabile solo ai progetti depositati entro il 16 febbraio 2012, data di sua entrata in vigore.
Il precipitarsi a comunicare al richiedente la volontà di concedere il Permesso a costruire prima che uscisse la sentenza della Corte Costituzionale che ha cancellato alcune delle generose modifiche apportate dalla Regione Calabria al cosiddetto Piano Casa, fu davvero un atto di buona amministrazione assunto per il bene pubblico?
Ci chiediamo poi che fretta c’era a non attendere (magari sollecitandola) la comunicazione del Prefetto sul certificato antimafia della ditta acquirente e a darlo invece per acquisito alla scadenza del termine legale di 30 giorni.
Fu anche questo un atto dettato da un impellente interesse pubblico? E sebbene si tratti di un procedimento esclusivamente in mano al dirigente comunale, ci chiediamo se davvero dell’ansia per tutta questa fretta il Sindaco non abbia avuto alcun sentore. Non sapremmo, infatti, cosa considerare peggio tra l’averla percepita e averla sottovalutata ed il non saperne niente, anche perché il Sindaco dovrebbe aver bene in mente che il terzo scioglimento per mafia che ci ha regalato fu determinato fortemente dal caos amministrativo trovato al Comune dalla Commissione d’accesso.
Sarebbe, allora, doveroso escludere chiaramente che a spingere l’acceleratore sia stato qualche imponente sollecito.
Infine, alcune brevi chiose sui lamenti mediatici del giovane ingegnere Gallo, progettista e consigliere comunale di opposizione (?) di Fratelli d’Italia. Noi speriamo che egli abbia almeno letto la Relazione del progetto di demolizione e ricostruzione che ha depositato, perché qualche dubbio in proposito ci viene.
Innanzitutto, quella relazione, e di conseguenza il progetto, chiedono il rilascio del permesso di costruire esclusivamente in base all’art. 5 della legge regionale n. 21/2010.
Non capiamo perché ora, abrogata la lett. b) di quell’articolo, l’ing. Gallo pretenda di giustificare la legittimità di quel permesso in base all’art. 4 che la Relazione non invoca da nessuna parte. Ma è davvero troppo, poi, la sua pretesa di ergersi a censore del sapere giuridico degli autori dell’istanza di revoca in autotutela (buon epigono, in questo, del Sindaco, noto erede morale di Carnelutti).
L’ingegnere ci insegna, ma senza alcuna spiegazione, che l’art. 90 delle Norme Tecniche di Attuazione (NTA) del nostro Piano Regolatore non si applicherebbe, perché la Legge Regionale n. 21/2010, essendo in deroga, derogherebbe a tutto, anche alle NTA.
Solo che gli sfugge il piccolo particolare che la Relazione al progetto da lui depositato calcola espressamente e diffusamente le dotazioni degli spazi verdi e dei parcheggi sulla base di quello stesso art. 90 NTA.
Quanto poi a considerare la Cantina Sociale solo “un ammasso di cemento fatiscente”, capiamo che uno, se certe sensibilità non ce l’ha, non può comprarle, ma un po’ di rispetto per quei luoghi, in cui tanti nostri padri hanno conferito il frutto del duro lavoro col quale hanno mantenuto agli studi molti di noi, non sarebbe male. Forse è per questo che, quando anni fa tutelavamo la memoria storica della prima “industrializzazione” della piana, difendendo la conservazione dell’ex Zuccherificio, né il Sindaco Mascaro, né alcuno degli attuali consiglieri comunali era al nostro fianco: per tutti loro e a dispetto della Sovrintendenza delle belle arti si trattava evidentemente di altro ammasso di cemento fatiscente.
E quanto alla difesa dell’imprenditoria privata, nessuno di loro, tantomeno il Fratello d’Italia ing. Gallo, era al nostro fianco neanche quando, insieme alla salute pubblica, difendevamo dai miasmi e dagli scoli della terza discarica agognata da Mascaro i vigneti Doc, le clementine IGP e le colture pregiate dei nostri imprenditori agricoli. Evidentemente per loro quella non è artiglieria imprenditoriale “pesante”.

Lamezia Bene Comune Rosario Piccioni, Consigliere comunale
PD Lamezia Terme Aquila Villella, Consigliere comunale
PD Lamezia Terme Gennarino Masi, Segretario cittadino
M5S Lamezia Terme Giuseppe D’Ippolito, Deputato
Gruppo Misto Consiglio Regionale Amalia Bruni, cons. Regionale
Rifondazione Comunista Lamezia Terme Luciano Rimini, Responsabile
Amo Lamezia Nicolino Panedigrano, Presidente
Italia Nostra Lamezia Terme Giuseppe Gigliotti, Segretario
Cittadinanza attiva Lamezia Terme Felice Lentidoro, Coordinatore
Pax Christi Lamezia Terme Antonino Mario Campisi, Referente
Confesercenti Lamezia Terme Pino Crapella, Presidente

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x