Ultimo aggiornamento alle 15:58
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

l’attacco

Stasi a rischio espulsione dalla “Città dell’olio”, Promenzio: «Una nuova figuraccia»

Il leader delle opposizioni: «Un sindaco alle battute finali». Madeo: «Il primo cittadino non presta attenzione al mondo olivicolo»

Pubblicato il: 11/07/2022 – 18:24
Stasi a rischio espulsione dalla “Città dell’olio”, Promenzio: «Una nuova figuraccia»

CORIGLIANO ROSSANO «Una nuova figuraccia del sindaco Stasi». Così si esprime in una nota il leader delle opposizioni in consiglio comunale e già candidato sindaco per la coalizione “Civico & popolare”, Gino Promenzio. Il quale rimarca la totale assenza dalle riunioni del sindaco di Corigliano Rossano, nelle sue vesti di coordinatore regionale dell’associazione “Città dell’olio”. L’argomento olio a Corigliano Rossano, ed in molte altre aree della regione, è particolarmente sentito anche perché l’olivicoltura risulta essere una importante fetta del pil locale, anche grazie ad una cultivar del territorio, la “Dolce di Rossano”. Per Promenzio è sintomatica «l’assenza del sindaco dalle riunioni della celebre associazione e dalle problematiche del settore olivicolo. Ormai i produttori, i braccianti e gli addetti del settore – sottolinea il consigliere comunale – hanno chiare le capacità e l’impegno nei loro confronti di chi dovrebbe governare Corigliano-Rossano. Oggi sanno quanto Stasi ha fatto per difenderne il prodotto. E non solo quello nostrano, ma purtroppo quello dell’intera Calabria».
«Il presidente dell’associazione nazionale Città dell’Olio, organismo che assieme al governo decide le linee di sviluppo delle politiche olivicole, di commercializzazione del prodotto e della promozione sui mercati e negli ambiti della sana alimentazione, è costretto a redarguire il sindaco Stasi – sottolinea ancora – nelle sue funzioni di coordinatore regionale. E di prospettarne la destituzione da tale carica». Promenzio riporta poi anche uno stralcio della lettera che il presidente nazionale dell’associazione, Michele Sonnessa, ha inviato a Flavio Stasi: «Devo purtroppo constatare la scarsa partecipazione alle riunioni operative dell’Associazione e di conseguenza anche una scarsa attività anche nel tuo coordinamento regionale».
«Oggi riscopriamo – termina Gino Promenzio – il vuoto di presenza e l’apatia di un sindaco ormai alle tristi battute finali, verso l’olivicoltura dell’intera Calabria. È ora di andare a casa».

Madeo: «Stasi non presta attenzione al mondo olivicolo»

Anche Francesco Madeo, consigliere comunale di opposizione, rincara la dose. «Il nostro eterno incompreso sindaco – scrive in una nota – non presta attenzione al mondo olivicolo territoriale che produce una importante ricchezza economica e ospita una cultivar di olivo locale denominata la “Dolce di Rossano”, poco acida e spontanea del nostro territorio, prima utilizzata per tagliare l’acidità degli oli, oggi appartenente al consorzio dei Bruzi e all’Igp di Calabria».
«Nel mentre nella nostra città si lavora per recuperare l’oliva bianca, una cultivar proveniente da Israele e portata sul nostro territorio dai Bizantini, il quale olio viene utilizzato nei riti religiosi e nella cosmesi, grazie all’impegno del prof. Giovanni Mastrangelo – prosegue Madeo – Flavio Stasi perde l’importante coordinamento Regionale perché troppo impegnato a scrivere comunicati stampa polemici con varie istituzioni. Il mondo olivicolo imprenditoriale cittadino, a differenza di altre realtà italiane, sta subendo un importante rincaro dei costi energetici e non solo, unitamente ad una drastica contrazione del prezzo di vendita, e il nostro Flavio Stasi addirittura snobba, con importanti assenze nelle sedi istituzionali che contano, anche la “Città dell’Olio”. Il menefreghismo nei confronti delle nostre imprese agricole – chiosa il consigliere comunale di Azione – non potrà passare inosservata in Consiglio comunale».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x