Ultimo aggiornamento alle 19:46
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

il giallo

Un carico di droni diretto in Russia sequestrato al porto di Gioia Tauro

Componenti di guida e controllo ferme nel porto: valgono decine di milioni. La meta ufficiale era il Qatar. In Calabria una squadra dell’Fbi. La Procura di Palmi indaga sulla documentazione che acc…

Pubblicato il: 14/07/2022 – 10:56
Un carico di droni diretto in Russia sequestrato al porto di Gioia Tauro

GIOIA TAURO Materiale statunitense, per droni dual use, diretto in Russia è stato bloccato dalla guardia di finanza e dall’agenzia delle dogane nel porto di Gioia Tauro. Lo scrive La Repubblica. Secondo quanto scrive il quotidiano, Mosca, non disponendo della stessa sofisticata tecnologia statunitense «un mese fa ha tentato di importare componenti militari “made in Usa” passando dall’Italia attraverso una complessa triangolazione. L’obiettivo russo era quello di portarsi a casa, non tanto gli aerei, quanto i complessi sistemi che contribuiscono alla loro guida e al loro controllo. Si tratta di dispositivi fabbricati da un’azienda americana».
Il materiale, ricostruisce La Repubblica è stato intercettato in Calabria, «diversi container stavano per lasciare le coste italiane. Il porto di Gioia Tauro era lo scalo di partenza. Qui erano arrivati dal Canada. La meta finale, ufficialmente, era il Qatar. Ma non è chiaro se l’Emirato fosse la reale destinazione prima di recapitare tutto il pacchetto nelle mani dei militari russi. Insomma il giallo del penultimo scalo, prima di arrivare a Mosca, resta aperto».

Componenti di guida e controllo dei droni ferme a Gioia Tauro: valgono decine di milioni

Per il quotidiano non vengono escluse altre ipotesi «come la possibilità di spegnere il localizzatore gps della nave container in partenza da Gioia Tauro per poi puntare, in incognito, sulla Siria. Quest’ ultimo, con il presidente Bashar al-Assad, è un Paese alleato di ferro di Mosca. Qui nel Mediterraneo orientale la Russia dispone di una fondamentale base militare, Tartus, dove i soldati di Vladimir Putin avrebbero poi potuto imbarcare le preziose componenti su un aereo cargo e raggiungere, attraverso questa tratta, la Russia». «Le componenti di guida e controllo, rimaste in Italia, per un valore di decine di milioni di euro sono ad oggi sotto sequestro, ferme nel porto calabrese per decisione della procura che indaga per traffico internazionale» scrive il quotidiano che sostiene anche che «quando gli americani hanno ricevuto dall’Italia la comunicazione del sequestro, una squadra dell’Fbi è volata immediatamente da Washington a Roma e poi a Gioia Tauro».

Container ancora chiusi

I container sono fermi nel porto di Gioia Tauro ma sarebbero ancora chiusi. È una delle poche indiscrezioni che filtrano dallo scalo calabrese. Il sequestro preventivo, da quel poco che trapela, è stato disposto dalla Procura della Repubblica di Palmi, competente per territorio sul porto di Gioia Tauro, ma le informazioni sul contenuto sarebbero giunte da fuori dalla Calabria. Sui documenti di accompagnamento, che indicano il Qatar come meta finale, si parlerebbe di materiale per telecomunicazioni. La vicenda, è quanto trapela, viene trattata direttamente dalla Direzione generale delle Dogane e dal Comando generale della Guardia di finanza. 

Indagini sulla documentazione che accompagna i container

I container posti sotto sequestro saranno aperti nei prossimi giorni. Sulle indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Palmi, vige uno stretto riserbo, ma da quel che è trapelato, l’attenzione degli investigatori sarebbe ora concentrata sulla documentazione che accompagna i container, in primo luogo per stabilire la reale destinazione e poi per stabilire se il materiale, definito sugli stessi documenti per telecomunicazioni, sia corrispondente alle carte ed, eventualmente, se possa essere riconvertito per usi militari. Accertamenti che potranno essere ultimati solo con l’apertura dei contenitori.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x