Ultimo aggiornamento alle 19:05
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 1 minuto
Cambia colore:
 

Le indagini

Sbranata dai cani a Satriano, il pastore ora rischia il processo

Pietro Rossomanno dovrà presentarsi dal Gup di Catanzaro il prossimo 27 settembre. È accusato di omicidio colposo. Indagata anche la madre

Pubblicato il: 08/09/2022 – 15:55
Sbranata dai cani a Satriano, il pastore ora rischia il processo

CATANZARO Chiesto il rinvio a giudizio per Pietro Rossomanno, il pastore al centro dell’inchiesta per la morte di Simona Cavallaro. La giovane di 20 anni è morta il 26 agosto dello scorso anno sbranata da un branco di cani nella pineta Monte Fiorino a Satriano.
Il pastore è ritenuto dagli inquirenti responsabile di quanto accaduto e per questo è accusato di omicidio colposo. I cani, infatti, facevano parte del gruppo messi a difesa del gregge di pecore di proprietà di Rossomanno. Da qui l’accusa anche di introduzione e abbandono di animali e di invasione e occupazione abusiva di terreni.
Ora il pastore dovrà presentarsi il prossimo 27 settembre davanti al Giudice dell’udienza preliminare del Tribunale di Catanzaro per rispondere di quelle accuse.
Per quanto accaduto la Procura di Catanzaro ha indagato anche la madre del pastore, Maria Procopio. Per lei l’accusa è invasione e occupazione abusiva dei terreni. Questo perché, secondo gli inquirenti, in un terreno in località Cantone a Satriano è stato rinvenuto un fabbricato rurale adibito ad azienda zootecnica e a civile abitazione intestato a Rossomanno, in cui entrambi vivevano.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x