Ultimo aggiornamento alle 22:19
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

l’idea

«Un disegno di legge sull’emergenza droga»

La proposta del deputato di FdI Alfredo Antoniozzi. «Siamo come negli anni ottanta»

Pubblicato il: 03/11/2022 – 9:08

«Le polemiche sul decreto legge relativo ai Rave party hanno completamente omesso il dato di Viterbo 2021, allorquando proprio durante un rave morirono tre persone, furono ricoverate decine di persone in coma etilico o in condizioni di overdose e accaddero altre cose molto gravi». Lo afferma in una nota Alfredo Antoniozzi, deputato di Fratelli d’Italia.
«Abbandonando il discorso relativo al decreto – scrive – che potrà certamente essere migliorato in sede di conversione parlamentare, voglio parlare di un problema che è sotto gli occhi di tutti e che è stato incredibilmente sottovalutato nell’ultimo decennio.
C’è una diffusione delle droghe tra i giovani agghiacciante e del tutto simile ai tragici anni ottanta». «La differenza con allora – prosegue il deputato di FdI – è che all’epoca i ragazzi morivano sulle panchine per l’eroina mentre oggi muoiono nel silenzio o, dai 40anni in su, per sospetti infarti dovuti quasi sempre al consumo di cocaina». «I nostri giovani, e anche quelli più maturi, – continua l’esponente dì Fratelli d’Italia – consumano stupefacenti di ogni genere. Alcuni sono facilmente reperibili su internet, altri hanno prezzi accessibili al punto che, a differenza di 40 anni fa, non c’è più bisogno di delinquere per procurarsele. So bene che il mercato della droga è la miniera d’oro delle mafie ma non per questo condivido le teorie antiproibizioniste».
«Laddove le droghe sono state liberalizzate – dice Antoniozzi – non è diminuita in nessun modo la dipendenza. È stato semplicemente reso più facile l’accesso all’approvvigionamento. Le comunità dì recupero, che fanno uno straordinario lavoro, devono poter cambiare il loro approccio, diventando parte attiva nella comunità, sapendo che l’utenza è cambiata». «A Cosenza, – prosegue la nota del parlamentare – tanto per fare un esempio, negli anni ottanta sono nate esperienze straordinarie, molte generate dal mondo cattolico. Il Delfino, Regina Pacis di Don Dante Bruno, ma anche la coraggio sai iniziativa del compianto Salvatore Frasca che, da sindaco di Cassano, requisi i terreni di mafiosi per far nascere una comunità terapeutica. Con queste persone voglio confrontarmi per preparare un disegno di legge sulla questione droga che possa prevedere gli strumenti moderni migliori per contrastare e prevenire e, nel contempo, inasprire le pene per chi trae lucro dal mercato della morte». «Sarà un lavoro – prosegue ancora il deputato – che avrà bisogno del contributo di ogni segmento della società. Dovremo chiedere, nell’ambito di una lotta a 360 gradi alle dipendenze, maggiori risorse,- con accordi tra la conferenza Stato Regioni. Dovremo rilanciare i Serd e Sert. Insomma, dovremo lavorare». «E chiederemo il sostegno delle famiglie, della Scuola, delle parrocchie , dei centri laici. Il nemico è forte – conclude Alfredo Antoniozzi – e sì è nutrito dì un’indifferenza che dobbiamo abbandonare. Perché la droga è morte e ha lasciato sulla sua strada troppe vittime».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x