Ultimo aggiornamento alle 17:47
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

IL COLD CASE

La ‘ndrangheta dietro l’omicidio di Cristina Mazzotti, tra gli indagati spunta il boss Morabito

Il capoclan è il nome inedito che emerge dalla nuova inchiesta della Procura di Milano sul sequestro finito con la morte della 18enne

Pubblicato il: 09/11/2022 – 21:22
La ‘ndrangheta dietro l’omicidio di Cristina Mazzotti, tra gli indagati spunta il boss Morabito

MILANO C’è anche il boss Giuseppe Morabito, 78 anni e residente nel Varesotto, tra i quattro indagati per il caso riaperto dalla Procura di Milano sul sequestro a scopo di estorsione che si è concluso con l’omicidio, 47 anni fa, della 18enne Cristina Mazzotti, la prima donna a essere rapita dall’Anonima sequestri al Nord Italia. Il nome di Morabito, quale ideatore del rapimento, è il nuovo nome che compare nell’avviso di chiusura della terza inchiesta, – che prelude a una richiesta di processo – condotta dalla Squadra Mobile coordinata dal pm della Dda milanese Stefano Civardi. Nell’atto non c’è invece Antonio Romeo originariamente iscritto nel registro degli indagati: la sua posizione è stata stralciata probabilmente per una richiesta di archiviazione. Oltre a Morabito, i destinatari dell’avviso di chiusura dell’indagine sono Demetrio Latella, Giuseppe Calabrò e Antonio Talia, pure loro vicini alla ‘ndrangheta. I quattro in concorso con 13 persone, già condannate e alcune decedute, con ruoli distinti, sono accusati di sequestro di persona. Sequestro che avvenne la sera del primo luglio 1975 e che finì con la morte della ragazza. Quella che si è conclusa ora è la terza inchiesta che ha portato a identificare un altro mandante e pure tra gli esecutori del rapimento ossia Morabito, classe 1944, originario di Africo ma emigrato da molti anni a Tradate (Varese). Come si legge nel capo di imputazione, i quattro “presero parte attiva e portarono a compimento la fase esecutiva del sequestro”, Latella, Calabrò e Talia, si recarono a bordo di due autovetture nei pressi dell’abitazione della ragazza, a Eupilio, in provincia di Como. Attorno all’1.30 bloccarono l’auto, una Mini Minor, su cui stava rincasando la giovane con due amici. La 18enne fu incappucciata e “consegnata” ad alcuni complici nel Comune vicino di Appiano Gentile, mentre i due amici legati e narcotizzati. Come hanno ricostruito i processi che si sono già celebrati, al padre della ragazza, Helios, furono chiesti 5 miliardi di lire di riscatto e dopo un mese l’uomo racimolò 1 miliardo e 50 milioni che pagò. Il primo settembre del ’75 una telefonata anonima indicò ai carabinieri di scavare in una discarica di Galliate (Novara). Lì fu ritrovato il cadavere, Cristina era stata uccisa da un cocktail di farmaci. Morabito non solo è ritenuto dalla Procura di Milano uno degli ideatori, ma è accusato di aver preso parte al sequestro fornendo un’auto che servì da ‘civetta’ per segnalare l’arrivo della Mini Minor alla villa di Eupilio e per “fare da staffetta verso il luogo” della prigionia della giovane. Ora si va verso un altro processo.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x