Ultimo aggiornamento alle 23:07
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

il contributo

In Calabria l’erosione è diventata un morbo sociale

Fosse  “solo” costiera, avrebbe effetti unicamente  materiali, per quanto dannosi. Il fatto è che l’erosione in Calabria, specie quella sulla direttrice tirrenica (si guardi ai casi limite di San …

Pubblicato il: 21/01/2023 – 10:04
di UGO FLORO
In Calabria l’erosione è diventata un morbo sociale

Fosse  “solo” costiera, avrebbe effetti unicamente  materiali, per quanto dannosi. Il fatto è che l’erosione in Calabria, specie quella sulla direttrice tirrenica (si guardi ai casi limite di San Lucido, Falerna e Nocera Terinese,  queste ultime due municipalità completamente abbandonate) è diventata un morbo sociale, che avanza velocemente  incontrastato, nonostante da lunghi lustri giacciano nelle casse istituzionali milionate di euro che dovevano servire ad arginarne l’incidenza nefasta e che una burocrazia autoreferenziale, scollata dalla propria terra fa finta di non vedere. Una vergogna tutta calabrese, l’ennesima, davanti a cui gli occhi non si possono più tenere chiusi. Il presidente della Regione, Roberto Occhiuto, prenda atto che all’interno del corpaccione amministrativo che governa , ci sono apparati che dormono, che coltivano l’ignavia e che decretano con la loro inazione la sconfitta della decisione politica rispetto alla gravità di certe piaghe come quella  dell’incedere indisturbato del mare. L’erosione prima erodeva, nell’indifferenza delle istituzioni preposte a contenerla, “solo” la costa, oggi aggredisce con inusitata violenza il portafoglio degli imprenditori turistici, il lavoro, la sicurezza delle comunità rivierasche, quella stradale e perfino quella dei viaggiatori su linea ferrata. In sostanza,  l’erosione ormai minaccia da vicino il diritto della gente di mare a vivere sulla costa, e quello stesso turismo sul quale l’esecutivo regionale ha puntato.  Nonostante i ritardi di anni e anni nella (in)azione di tutela dei litorali, possiamo ancora farcela. Tuttavia occorre estirpare dagli uffici regionali, e non solo da quelli, fannulloni, incompetenti, in poche parole quella “gens dirigenziale” specializzata nel boicottaggio continuo della politica e nella perdita del tempo. Due competenze miserabili che la Calabria non può più permettersi.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x