Ultimo aggiornamento alle 18:52
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

il colpo

‘Ndrangheta, ricercato sloveno arrestato per caso in Spagna dopo un incidente

Si tratta del 63enne Zihnija Alimanovic, legato all’attività delle cosche in Lombardia e coinvolto in un’operazione tra Como e Monza

Pubblicato il: 02/02/2023 – 16:19
‘Ndrangheta, ricercato sloveno arrestato per caso in Spagna dopo un incidente

MADRID Un’indagine partita da un banale incidente stradale avvenuto a Granada ha portato a un finale inatteso, l’arresto di Zihnija Alimanovic, 63enne sloveno ricercato dalla giustizia italiana per presunti legami con la ‘Ndrangheta radicata in Lombardia. L’indagine, stando a fonti vicine agli investigatori, è partita dai rilevamenti effettuati dai vigili della città spagnola su uno scontro tra un’auto e una motocicletta ferma a un semaforo, a sua volta finita contro un furgone: un impatto senza gravi conseguenze per le persone coinvolte, ma dopo il quale la conducente del primo veicolo si è allontanata senza fermarsi. Lasciando tuttavia sul posto la targa del mezzo di cui era alla guida. Questo ha permesso alla polizia di mettersi alla ricerca dell’auto per cercare di rintracciarne la conducente: giorni dopo, il veicolo, di cui non era stato possibile verificare la titolarità, è stato trovato parcheggiato nel quartiere granadino dello Zaidín. Agenti in borghese si sono appostati per attendere la donna, ma, al suo posto, lo scorso 19 gennaio, a dirigersi verso il mezzo è stato proprio Alimanovic, presunto compagno della ricercata. «Tranquilli, non sono armato», avrebbe detto ai poliziotti che l’hanno intercettato per identificarlo. Dagli accertamenti svolti, è emerso che c’era un ordine di arresto internazionale emanato in Italia. Ed è immediatamente scattato l’arresto.

L’operazione del 2020

L’uomo, nato in Slovenia l’1 gennaio del 1959, era rimasto coinvolto nell’operazione anti-‘ndrangheta “Freccia” messa segno a giugno 2020 a Cantù e nelle province di Como e Monza che aveva portato all’arresto di 22 persone. I reati contestati erano associazione a delinquere di stampo mafioso, estorsione e acquisizione indebita di esercizi pubblici, porto abusivo di armi e associazione finalizzata al traffico internazionale di sostanze stupefacenti. L’autorità giudiziaria spagnola non ha al momento confermato se sia già stato consegnato alla giustizia italiana. (Ansa)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x