Ultimo aggiornamento alle 22:06
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

il fatto

Vibo, vicesindaco aggredito durante la demolizione di un chiosco abusivo

Abbattuta una struttura estiva degli anni 60. Scalamogna colpito con uno schiaffo dal proprietario, che è stato portato in Questura

Pubblicato il: 22/02/2023 – 10:48
Vibo, vicesindaco aggredito durante la demolizione di un chiosco abusivo

VIBO VALENTIA Il vicesindaco di Vibo Valentia Pasquale Scalamogna è stato colpito con uno schiaffo stamani durante le attività propedeutiche alle operazioni di abbattimento di una struttura abusiva in località Capannina nella frazione marina, il “Chiosco Azzurro”, una struttura che risale agli anni 60. All’alba sono iniziate le operazioni, con l’arrivo delle ruspe e degli operai dell’Enel per staccare la corrente, davanti ad un cordone di forze dell’ordine.
Secondo quanto riferito dallo stesso Scalamogna, ad un certo punto il proprietario della struttura è riuscito ad avvicinarsi al componente della Giunta comunale e a sferrargli un violento schiaffo prima di essere bloccato e fatto allontanare per essere portato in Questura dove la sua posizione è al vaglio degli inquirenti. Il vicesindaco ha invece raggiunto il pronto soccorso dell’ospedale di Vibo per accertamenti. Nella primavera del 2021 le ruspe erano pronte ad intervenire ma il titolare della struttura, ormai chiusa da anni e ritenuta a rischio crollo dopo che l’erosione di quel tratto di costa l’aveva colpita in seguito alle violente mareggiate avvenute nel corso degli anni, si era barricato nel locale, costringendo a rinviare ogni attività di demolizione. Lo stesso aveva presentato ricorso al Tar Calabria che aveva, accolto la sospensiva ma poi, nel merito, aveva rigettato l’istanza aprendo quindi la strada all’abbattimento del Chiosco. Sul posto, a seguire le fasi dell’abbattimento, sono presenti la prefetta Roberta Lulli, il procuratore della Repubblica Camillo Falvo, il questore Cristiano Tatarelli, la sindaca Maria Limardo e tutta la giunta comunale.

Mangialavori: «Gesto da condannare con fermezza»

«L’aggressione subita dal vicesindaco di Vibo Valentia Pasquale Scalamogna è qualcosa di inaccettabile che va condannato con assoluta fermezza. Non è pensabile che un amministratore venga fatto oggetto di violenza perché persegue una linea di rigore nel pieno rispetto della legge». Ad affermarlo il deputato e coordinatore regionale di Forza Italia in Calabria, Giuseppe Mangialavori. «A Pasquale giunga la mia vicinanza e solidarietà e l’invito ad andare avanti, certo che questo episodio – conclude l’on. Mangialavori – non intaccherà lo spirito col quale ha condotto sino ad ora la sua azione politico-amministrativa».

Comito: «Episodio gravissimo, massima solidarietà a Scalamogna»

«Assoluta condanna per il gravissimo episodio avvenuto questa mattina a Vibo Marina e massima solidarietà al vicesindaco Pasquale Scalamogna». È il commento del consigliere regionale, nonché coordinatore provinciale di Forza Italia, Michele Comito, in merito all’aggressione subita dal vicesindaco di Vibo Valentia. «Quanto avvenuto oggi – afferma Comito – è qualcosa di inaccettabile nei confronti di chiunque, ancor più nei confronti dei rappresentanti di un’amministrazione pubblica che si prodiga per il rispetto della legge e del vivere civile. Sono certo che questo gravissimo episodio non intaccherà la serenità e l’agire politico di un’amministrazione che continuerà ad operare con forza a tutela degli interessi della collettività». 

De Nisi: atto inaccettabile

«Un atto inaccettabile, che non solo ha colpito un uomo delle istituzioni, ma che offende anche la tradizione civile e democratica di un’intera città e per il quale alla solidarietà umana ed istituzionale si deve accompagnare una condanna senza se e senza ma». Sono le parole con cui il consigliere regionale Francesco De Nisi esprime vicinanza al vicesindaco di Vibo Valentia Pasquale Scalamogna. «Sono sicuro – aggiunge De Nisi – che Scalamogna saprà certamente reagire al vile gesto, mantenendo ben salda la barra della legalità e del rispetto delle regole all’interno della comunità e della sua Amministrazione. Intimidazioni e aggressioni non possono essere accettate, perché per quanto possano essere rilevanti i problemi o difficili le situazioni la violenza non è la panacea. Per questo non ci sono scusanti per l’autore del gesto che condanniamo fermamente. Gli amministratori locali sono sempre a disposizione delle comunità con l’impegno sempre profuso a trovare le soluzioni nell’interesse dei cittadini». Nel rinnovare la propria vicinanza, De Nisi conclude sottolineando che «Scalamogna continuerà a lavorare con coraggio e passione anche con il sostegno della comunità che non accetterà violenza, minacce e intimidazioni».

Varì: vile gesto, forte condanna

L’assessore regionale allo Sviluppo economico e Attrattori culturali, Rosario Varì, rivolge la sua solidarietà al vice sindaco di Vibo Valentia, aggredito nel corso dell’abbattimento di una struttura abusiva. «Esprimo piena e incondizionata solidarietà al Vicesindaco di Vibo, Pasquale Scalamogna, per il vile gesto subito stamane mentre era nell’esercizio delle proprie funzioni. Ogni atto di violenza – afferma Varì – è intollerabile e va fermamente condannato. Sono certo che Pasquale, al quale manifesto la mia affettuosa vicinanza, continuerà con passione e dedizione a svolgere il proprio ruolo nell’esclusivo interesse dell’amministrazione comunale e della comunità che rappresenta».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x