Ultimo aggiornamento alle 22:31
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

La decisione

Fuggì dopo aver investito ed ucciso una donna a Mirto, revocati i domiciliari

Il gip ha accolto la richiesta dei legali del 36enne. È accusato di omicidio stradale e omissione di soccorso

Pubblicato il: 24/02/2023 – 16:59
Fuggì dopo aver investito ed ucciso una donna a Mirto, revocati i domiciliari

CASTROVILLARI Revocati i domiciliari al 36enne accusato di omicidio stradale a Mirto Crosia. È quanto ha disposto il gip del Tribunale di Castrovillari che ha così accolto accolto la richiesta avanzata dai legali dell’uomo, Alfredo e Gianluigi Zicarelli. In particolare il Tribunale ha revocato la residua misura degli arresti domiciliari all’uomo, nazionalità romena, coinvolto nel sinistro mortale avvenuto lo scorso 28 luglio a Mirto-Crosia.

La vicende

L’indagato, dapprima condotto in carcere, era stato successivamente scarcerato dal Tribunale della Libertà su istanza dei suoi difensori e sottoposto alla misura degli arresti domiciliari, con successiva autorizzazione a svolgere attività lavorativa fuori Regione.
I fatti risalgono al 28 luglio scorso allorquando l’auto Audi A3 su cui viaggiava l’indagato si è scontrata con la Daewoo Matiz su cui viaggiava la pensionata di 73 anni che è poi deceduta per le ferite riportate nell’impatto avvenuto sulla Statale 106 area Mirto Crosia.
L’uomo, secondo quanto relazionato dai militari dell’Arma e dalla Polizia Locale di Crosia, grazie alle immagini estrapolate dai sistemi di videosorveglianza presenti nella zona dell’incidente, dopo lo scontro, sarebbe fuggito senza prestare soccorso alla pensionata e facendo perdere le sue tracce.
Successivamente, a seguito di ricerche, veniva fermato e condotto in carcere con l’accusa di omicidio stradale in quanto era stata accertata una velocità di punta pari a 124 Km/h, condotta aggravata dalla riscontrata guida senza patente e dall’essere fuggito dal luogo del sinistro, oltre alle ulteriori contestazioni di omissione di soccorso e del non aver moderato la velocità in presenza di attraversamento pedonale.
La massima misura della custodia in carcere veniva applicata in quanto gli inquirenti avevano evidenziato e valorizzato, in particolare, il pericolo di fuga.
Nelle more, il Pubblico Ministero ha disposto un consulenza tecnica al fine di accertare l’esatta dinamica del sinistro.
L’indagato, oltre all’assistenza degli Avvocati Zicarelli, ha nominato quale consulente di parte l’Ing. Fabrizio Coscarelli, al fine di contestare le conclusioni sulla dinamica del sinistro emerse in sede di indagini.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x