Ultimo aggiornamento alle 23:16
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

l’anniversario

Volume sulla storia di Gioacchino da Fiore per i piccoli studenti, Succurro: «Siate orgogliosi delle vostre origini»

La prima cittadina di San Giovanni in Fiore ha regalato un libro illustrato sull’abate ai minori delle scuole elementari e medie della città

Pubblicato il: 27/03/2023 – 11:38
Volume sulla storia di Gioacchino da Fiore per i piccoli studenti, Succurro: «Siate orgogliosi delle vostre origini»

SAN GIOVANNI IN FIORE «L’amministrazione comunale che guido sta promuovendo al massimo la figura di Gioacchino da Fiore. Perciò ci rivedremo in tante altre occasioni e continueremo a parlare di lui, che proprio in Sila concepì le sue opere e che, dunque, merita di essere compreso, valorizzato e apprezzato il più possibile». Nella mattinata di lunedì 27 marzo, a tre giorni dagli 821 anni dalla morte di Gioacchino da Fiore, l’ha detto la prima cittadina di San Giovanni in Fiore, Rosaria Succurro, ai minori che frequentano le scuole elementari e medie della città, cui ha regalato un volume illustrato sulla storia e sull’importanza dello stesso pensatore calabrese, curato proprio dalla sindaca e pubblicato dal Comune silano. «Insieme alle vostre scuole, noi lavoriamo per raggiungere questo obiettivo, convinti – ha precisato ai bambini la sindaca Succurro – che ciò serva a crescere come comunità, come città e come persone. La mia iniziativa vuole alimentare la vostra curiosità su questo grande abate e teologo, che influenzò perfino il sommo poeta Dante Alighieri e il geniale pittore, scultore e architetto Michelangelo Buonarotti. Tra l’altro, il pensiero di Gioacchino ispirò diversi artisti, filosofi, pensatori, movimenti religiosi e, più in generale, fu determinante per lo sviluppo della cultura europea e per la storia delle Americhe. A tale ultimo riguardo, infatti, c’è un saggio scientifico – ha ricordato la stessa Succurro – che documenta come la fondazione della città messicana di Puebla de Zaragoza sia riconducibile al pensiero e allo spirito profetico di Gioacchino da Fiore. Allora non esisteva Internet né il telefono cellulare. Capite bene, allora, che parliamo di un uomo di levatura straordinaria. L’abate fu peraltro confessore della regina Costanza d’Altavilla, la quale ebbe un ruolo fondamentale nell’educazione del proprio figlio, l’illuminato imperatore Federico II di Svevia. Siate sempre orgogliosi di San Giovanni in Fiore, città nobile – ha concluso la sindaca Succurro – legata anzitutto a Gioacchino». 

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x