Ultimo aggiornamento alle 21:57
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

la decisione

L’edicola storica di Cosenza “Permesso” vince al Consiglio di Stato

Sospesa la revoca dell’occupazione di suolo pubblico e la rimozione. Accolta la tesi difensiva dell’avvocato Oreste Morcavallo

Pubblicato il: 31/03/2023 – 17:31
L’edicola storica di Cosenza “Permesso” vince al Consiglio di Stato

COSENZA Il Consiglio di Stato, sez. V, con Ordinanza n. 1255/2023 del 31 marzo 2023 (Pres. Diego Sabatino; Est. Annamaria Fasano) ha accolto le tesi difensive dell’avvocato Oreste Morcavallo, per conto del titolare dell’edicola storica, situata nel cuore della città di Cosenza, sospendendo l’efficacia della sentenza di primo grado, così evitandone la revoca della concessione di suolo pubblico e la rimozione.

I fatti

Si tratta della rivendita di giornali, riviste ed affini “Permesso”, la più antica della città di Cosenza, per avere iniziato l’attività sin dal 1930. La sede era dapprima ubicata sulla centralissima Corso Mazzini di Cosenza, dov’è rimasta per 80 anni e, costretta, poi, a spostarsi, per lavori di ristrutturazione della zona, sulla Via Caloprese.
«In particolare, il Comune di Cosenza concedeva il permesso di occupazione temporanea di suolo pubblico in Via Caloprese, sul marciapiede antistante l’impianto di distribuzione dell’ENI S.p.a., allo scopo di installarvi l’edicola. Tale permesso veniva accordato dapprima con provvedimento, nel quale si prescriveva che “al posizionamento della struttura occorreva mantenere una sezione libera minima dalla pista ciclabile, sgombera da qualsiasi tipo di sporgenza, per il passaggio pedonale, con la possibilità di utilizzare parte dell’aiuola posta sul marciapiede a confine con la recinzione dell’impianto AGIP” (ora ENI spa). Tale provvedimento veniva seguito da altro permesso relativo all’occupazione dello stesso suolo pubblico, successivamente prorogato con ulteriore atto. Stante la notevole riduzione dello spazio a disposizione, veniva concessa al richiedente anche la possibilità di posizionare, accanto al chiosco, tre espositori movibili per contenere le innumerevoli pubblicazioni. Con regolare istanza, richiedeva il rinnovo dell’occupazione di suolo pubblico. Con ordinanza il Comune comunicava la revoca della concessione di suolo pubblico e la rimozione immediata del box su via Caloprese di Cosenza. Avverso il suindicato provvedimento ed avverso il silenzio sull’istanza di rinnovo di occupazione proponeva ricorso al TAR Calabria, con il patrocinio dell’avvocato Oreste Morcavallo accolto solo nella parte relativa alla domanda avverso il silenzio mentre veniva respinta per il resto. Avverso detta sentenza, resa in forma semplificata, proponeva appello, con istanza cautelare, dinanzi al Consiglio di Stato sempre con il patrocinio dell’avvocato Oreste Morcavallo onde evitare gli effetti della revoca della concessione e la conseguente rimozione dell’edicola. Dopo la lunga discussione dell’avvocato Morcavallo, con Ordinanza del 31 marzo 2023, n. 1255, il Consiglio di Stato accoglieva l’istanza sospendendo gli effetti della Sentenza, riconoscendo la sussistenza dei presupposti sia sotto il profilo della fondatezza dell’impugnativa che sotto il profilo del pregiudizio connesso alla revoca della concessione ed alla rimozione, così consentendo la regolare prosecuzione dell’attività per l’edicola».  

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x