Ultimo aggiornamento alle 23:22
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 1 minuto
Cambia colore:
 

la sentenza

Roggiano Gravina, furto di energia. Assolti due imputati

Accolte le tesi difensive dell’avvocato Andrea Caruso, contenenti alcune novità in materia introdotte dalla Legge Cartabia

Pubblicato il: 31/03/2023 – 17:59
Roggiano Gravina, furto di energia. Assolti due imputati

COSENZA Il gup del Tribunale di Cosenza, Claudia Pingitore, ha dichiarato il «non doversi procedere» nei confronti di Marco Genzano e Ada Genzano, «poiché l’azione non deve essere proseguita per sopravvenuto difetto di querela». I due imputati «in concorso tra loro» avrebbero tratto profitto dalla manomissione di un misuratore Enel, nel comune di Roggiano Gravina, che permetteva il prelievo di energia senza che venisse misurata. I due erano stati condannati alla multa di 5.725 euro.

La riforma Cartabia

Con la riforma Cartabia, il reato di furto aggravato (di energia elettrica) dal 30 dicembre 2022 non è più procedibile d’ufficio bensì attraverso una querela di parte. Nella giornata di ieri, sono scaduti i 90 giorni consentiti dalla legge per la presentazione della querela e la compagnia Enel non ha provveduto a depositarla. L’avvocato Andrea Caruso, dello studio legale Esbardo & partners, ha sollevato la questione e il gup Pingitore ha accolto in toto il contenuto della tesi difensiva del legale. Quella emessa oggi è una delle delle prime sentenze in Italia dopo le novità introdotte – sul reato specifico addebitato agli imputati – dalla Riforma Cartabia. (f.b.)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x