Ultimo aggiornamento alle 19:13
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

LA DECISIONE

Spaccio e prostituzione nella presila catanzarese: il vigile urbano Alessandro Cua lascia i domiciliari

Accolta l’istanza formulata dagli avvocati Arturo Bova e Ugo Fusto

Pubblicato il: 31/05/2023 – 17:15
Spaccio e prostituzione nella presila catanzarese: il vigile urbano Alessandro Cua lascia i domiciliari

CATANZARO Alessandro Cua, vigile urbano in servizio presso il Comune di Fossato Serralta, in provincia di Catanzaro, era stato tratto in arresto lo scorso 9 settembre a seguito dell’operazione condotta dai Carabinieri della Stazione di Pentone, coadiuvati dai colleghi di Bologna Il Gip del Tribunale di Catanzaro, su richiesta della locale Procura della Repubblica, aveva emesso ordinanza di custodia cautelare nei confronti del 48enne Catanzarese e di Massimo Longo, 53enne originario di Catanzaro, da poco trasferitosi nel bolognese. 

Le indagini

Cua è accusato, unitamente ad altri 16 indagati, di aver posto in essere attività di spaccio al minuto di sostanze stupefacenti del tipo marijuana e cocaina nei comuni di Fossato Serralta, Catanzaro, Marcellinara, Stalettì e Sellia Marina, nonché, di essersi reso responsabile di varie estorsioni ai danni di diversi assuntori morosi. Lo stesso, secondo l’impianto accusatorio della Procura, avrebbe inoltre favorito la prostituzione di donne straniere in diversi comuni della provincia, si sarebbe assentato fittiziamente dal servizio dell’ente di appartenenza ed avrebbe simulato un incidente stradale con altro veicolo volto ad ottenere un risarcimento, incidente che invece è risultato essere autonomo.
Lo scorso mese di gennaio, la Corte di Cassazione, in accoglimento del ricorso cautelare promosso dai legali di Cua, avvocato Arturo Bova e avvocato Ugo Fusto, aveva annullato parzialmente, con rinvio al Tribunale del Riesame di Catanzaro, l’ordinanza impugnata, ritenendo meritevoli di accoglimento i motivi di ricorso avanzati dai difensori del Cua relativamente ai capi d’imputazione allo stesso ascritti, in particolare con riferimento alle accuse di estorsione, falso ideologico e truffa.
Nella giornata di Ieri, il Giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale di Catanzaro Gabriella Pede,  in accoglimento dell’istanza formulata dagli avvocati Arturo Bova e Ugo Fusto, ha disposto l’immediata scarcerazione di Alessandro Cua che dovrà comunque rispettare l’ordine dell’obbligo di dimora nel Comune di Catanzaro e di presentazione quotidiana alla Polizia Giudiziaria.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x