Ultimo aggiornamento alle 12:03
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

la critica

Annunziata di Cosenza, la Fismu contro le “trovate” di De Salazar

Il segretario regionale della Federazione contesta il commissario sulla gestione del personale dell’azienda ospedaliera

Pubblicato il: 12/07/2023 – 17:28
Annunziata di Cosenza, la Fismu contro le “trovate” di De Salazar

COSENZA “In Calabria è ancora emergenza personale nella sanità pubblica e a Cosenza la situazione non ha ancora sbocchi positivi viste le proposte avanzate dal Commissario Vitaliano De Salazar”. Questa le denuncia del segretario regionale di Federazione Italiana Sindacale Medici Uniti-Fismu, Claudio Picarelli che chiede un “netto cambio di rotta, per tutelare cittadini, medici e personale”.  “La cronica carenza di personale negli ospedali della regione ed in particolare, quella dei dirigenti medici – sottolinea Picarelli – è oramai considerata emergenza nazionale e per la risoluzione di questo complesso problema, di volta in volta si è ricorso alle prestazioni aggiuntive, al mantenimento dei professionisti in servizio oltre il limite dell’età pensionabile, oppure all’utilizzo delle cooperative di medici, infermieri ed operatori sanitari, il cui reclutamento, ultimamente, ha valicato i confini (vedi la cooperativa Cubana). Una vera e propria emergenza”. “All’azienda ospedaliera di Cosenza il commissario Vitaliano De Salazar, recentemente confermato dal Presidente Occhiuto – continua il segretario regionale Fismu – superando ogni decenza e ignorando le regole dettate dal contratto di lavoro si è inventato una ulteriore ‘trovata’, oltretutto con la complicità del ‘discusso’ Direttore di Dipartimento Polispecialistico Chirurgico che, come è noto, non solo non era eleggibile in quanto in aspettativa per transitare nella nascente Facoltà di Medicina e ma anche ‘sfiduciato’ dai chirurghi stessi per il suo comportamento condiscendente con i vertici, un vero ‘yes man’”.  Quindi Picarelli spiega la “pessima trovata” del Commissario: “Per coprire la carenza dei medici in pronto soccorso è necessario ricorrere all’impiego dei chirurghi dell’azienda,solo dei chirurghi (12 unità complessive appartenenti a tre Unità operative – Uuoo), però così non si rispetta, di fatto, la norma contrattuale che prevede, ‘in caso di eventi contingenti e non prevedibili (ma è forse questo il caso?) …. e solo per il tempo necessario a superare l’emergenza, il trasferimento d’urgenza (nell’Uo in sofferenza) a rotazione tra tutti i dirigenti, nel rispetto delle figure professionali, dell’incarico ricoperto, della disciplina e dell’area di appartenenza’. La turnazione di tutti i medici dell’azienda con discipline affini o equipollenti (86 unità per tutte le Uuoo dell’Azienda), può protrarsi per un massimo di un mese nell’anno, partendo dagli ultimi arrivati e proseguendo in ordine inverso di anzianità”. “Invece – aggiunge Picarelli – ‘l’originale soluzione’ aziendale viene fatta passare come un adeguamento ai dettami del Dm70/2015 (art 8.2.2 – Rete per il Trauma – Ctz Centro Traumi di Zona), dove si prevede per gli Hub la creazione in Pronto Soccorso di ‘un’area attrezzata di accettazione per il trauma (shock room)’, nel quale siano presenti figure specialistiche quali: l’ortopedico, il cardiologo, l’anestesista e il chirurgo per l’appunto, pronti in caso di necessità a coadiuvare il medico di Pronto Soccorso nella gestione dell’emergenza complessa. Quindi il chirurgo (non solo il chirurgo), come gli altri, per coadiuvare il medico di guardia del Pronto Soccorso, giammai per sostituirlo nella sua precipua funzione”. “L’impiego quindi in Pronto Soccorso dei chirurghi – conclude Picarelli – fondamentali per la produttività di un’azienda con bilanci oramai negativi da più anni, rallenta o impedisce di fatto l’attività chirurgica, di assistenza in reparto e quella ambulatoriale, determinando l’allungamento delle attese sia per gli interventi che per le visite specialistiche. L’ulteriore conseguenza è l’incremento del privato e della migrazione sanitaria che a questo punto è probabilmente il reale obiettivo aziendale e del governo regionale, in barba ai proclami di miglioramento delle performance e della riduzione della spesa sanitaria. Serve un cambio di rotta, se si vuole salvare la sanità pubblica”. 

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x