Ultimo aggiornamento alle 12:09
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

l’intervento

Cgil: «Il caldo estremo spinga Occhiuto a sospendere le lavorazioni anche nel campo edile»

L’appello dei segretari Angelo Sposato e Simone Celebre: «E’ necessaria massima attenzione e l’applicazione di ogni condizione di sicurezza»

Pubblicato il: 21/07/2023 – 12:03
Cgil: «Il caldo estremo spinga Occhiuto a sospendere le lavorazioni anche nel campo edile»

CATANZARO «E’ necessaria massima attenzione e l’applicazione di ogni condizione di sicurezza per i lavoratori edili che in questo periodo stanno lavorando in una situazione di estremo disagio e possibile pericolosità provocati dal caldo estremo». Così si esprimono la Fillea Cgil e la Cgil Calabria intenzionate a chiedere al presidente della Regione Occhiuto un’ordinanza di sospensione delle lavorazioni così come richiesto nel settore agricolo. «A fronte dei primi interventi di emergenza già prestati a seguito di preoccupanti colpi di calore e della previsione di temperature ancora alte nei prossimi giorni, è necessario che le aziende adottino tutte le misure utili (informativa sugli effetti del calore, controllo della temperatura e dell’umidità del luogo di lavoro, predisposizione di aree di riposo ombreggiate, organizzazione di orari e turni di riposo, messa a disposizione di acqua fresca, evitare lavori isolati, ecc.) tese ad abbattere il rischio per la salute e sicurezza dei lavoratori nei cantieri edili, compreso il ricorso alla cassa integrazione guadagni ordinaria (Cigo) con causale “eventi meteo”», affermano il segretario generale Cgil Calabria Angelo Sposato e il segretario generale Fillea Cgil Calabria Simone Celebre. A questo proposito i due sindacalisti sottolineano che nei cantieri edili quest’ultimo strumento è previsto nel caso in cui il termometro superi i 35 gradi, ma anche con temperature inferiori quando percepite elevate, come ad esempio avviene in particolari lavorazioni e/o con un elevato tasso di umidità. A tale proposito, la Fillea Cgil Calabria ricorda di avere ottenuto con le altre Oo.Ss. di categoria la variazione dei turni di lavoro nei cantieri legati alla costruzione del Terzo Megalotto della S.s. 106 Jonica, onde consentire ai lavoratori di essere impiegati nelle ore meno calde. Nello stesso periodo la Fillea Cgil con tutte le sue strutture territoriali ha informato le prefetture di Catanzaro, Vibo, Crotone e Cosenza in merito alla necessità di indicare ed informare sui pericoli da colpo di calore e sugli accorgimenti e le misure da prevedere sui luoghi di lavoro. «La salute e la sicurezza delle lavoratrici e dei lavoratori è un diritto irrinunciabile che in un paese civile deve fare il paio con il lavoro che non può non essere anche sinonimo di sicurezza».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x