Ultimo aggiornamento alle 17:54
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 7 minuti
Cambia colore:
 

l’incontro

«La Calabria punti su eolico offshore e rinnovabili, no ai rigassificatori»

A Crotone la tappa di Goletta Verde di Legambiente: per il futuro della regione queste sono le sfide decisive

Pubblicato il: 21/07/2023 – 19:24
«La Calabria punti su eolico offshore e rinnovabili, no ai rigassificatori»

CROTONE “Puntare sempre di più sulle rinnovabili, a partire dall’eolico offshore sbloccando quei progetti in attesa di valutazione statale, e abbandonare la strada delle fonti fossili e dei rigassificatori. È questa per Legambiente la sfida che la Calabria deve affrontare visto che in questo territorio tre quarti dell’elettricità è ancora prodotta da fonti fossili. La Calabria deve riuscire a trasformare l’emergenza climatica, energetica e sociale in opportunità di crescita e sviluppo del territorio, non solo per contribuire alla lotta contro i cambiamenti climatici, ma anche per portare innovazione nei territori, al settore energetico e nuovi posti di lavoro. Non deve perdere questa importante opportunità, ha tutti i requisiti e le capacità per far decollare le rinnovabili dimostrando al Governo Meloni che la strada da percorrere non è quella dell’hub del gas. Il Meridione può diventare un hub energetico europeo strategico delle rinnovabili e la Calabria in questo contesto può giocare un ruolo importante con i suoi 22 progetti a fonti rinnovabili in attesa di valutazione statale, tra cui i 4 di eolico offshore per complessivi 2,93 GW di potenza”.  Lo afferma Legambiente che ha fatto il punto oggi in occasione della tappa in programma a Crotone di Goletta Verde, sua storica campagna estiva in navigazione lungo la Penisola e realizzata con le partnership principali di Anev, Conou, Novamont e Renexia e la media partnership de La Nuova Ecologia. L’eolico offshore è, anche quest’anno, uno dei temi portanti di Goletta Verde per informare e sensibilizzare i cittadini e per ricordare che l’energia prodotta dal vento rappresenta uno degli strumenti necessari per arrivare alla decarbonizzazione del nostro Paese attraverso la transizione energetica.  

Le rinnovabili in Calabria

Secondo Legamebiente “sul fronte delle energie pulite, nonostante alcuni continuino a pensare che la Regione Calabria abbia già contribuito abbastanza, a fine 2022 nel territorio sono presenti 35mila impianti da fonti rinnovabili, pari a poco più del 2% di quelli presenti sul territorio nazionale, per 2.817 MW di potenza complessiva, cresciuti di appena 52 MW di nuova potenza rinnovabile nell’ultimo anno. In termini di copertura energetica elettrica, il maggior contributo arriva dall’eolico, con il 12%, seguito dalle bioenergie con il 7,5% (in questa percentuale rientrano specifici impianti a biomassa solida che non hanno alcuna caratteristica di sostenibilità, e dal solare fotovoltaico con il 3,8%. Percentuali, tra eolico e fotovoltaico, davvero basse e che, per una Regione come la Calabria, rappresentano solo il primo timido passo verso la decarbonizzazione.   Eppure, la Calabria è una regione con un potenziale davvero importante, come raccontano i 22 progetti a fonti rinnovabili in attesa di valutazione statale, tra cui i 4 di eolico offshore per complessivi 2,93 GW di potenza. Il più distante dalla costa è il progetto di eolico offshore Calabria, da 555 MW e previsto, se autorizzato, nello specchio acqueo del Golfo di Squillace a largo di Punta Stilo con la pala più vicina alla costa ad una distanza di 55 km. Sempre nel Golfo di Squillace a 43,5 km troviamo anche il progetto Krimisa, il più grande tra quelli monitorati da Legambiente fino a fine maggio, composto da 62 aerogeneratori da 18 MW ognuno, per una potenza complessiva da 1.116 MW. Tra lo specchio di mare del Golfo del Comune di Squillace  e i territori comunali di Borgia, Squillace, Grifalco, San Floro, Caraffa di Catanzaro, Cortale e Maida, anch’essi in provincia di Catanzaro, troviamo invece la proposta di progetto Fortevento composto da 39 aerogeneratori da 15 MW ciascuno, per una potenza complessiva pari a 585 MW. In ultimo, il parco eolico La Patrizia, unico non galleggiante, che sarà posto ad una distanza minima dalla costa di 12 km e composto da 45 aerogeneratori da 15 MW ciascuno per 675 MW, e che, se approvato, sarà realizzato tra il Comune di Belcastro, in località La Patrizia, lo specchio di mare del Golfo del Comune di Squillace e i territori comunali di Botricello, Cropani, Sellia Marina, Sersale, Simeri Crichi, Catanzaro, San Floro, Caraffa di Catanzaro e Maida”. 

L’intervento di Parretta

“La strada verso la decarbonizzazione è ancora molto lunga: lo scorso anno le fonti fossili hanno coperto il 75% della domanda di energia elettrica della Calabria, con un radicamento legato non solo alla produzione energetica, ma anche al trasporto di gas e all’estrazione di idrocarburi – dichiara Anna Parretta, Presidente Legambiente Calabria. Ad oggi, con i suoi gasdotti la Calabria è territorio di transito di tutto il gas importato dal Nord Africa che approda prima in Sicilia per essere poi spinto verso nord passando per la Centrale di Compressione di Tarsia, in provincia di Cosenza. Inoltre, a questa situazione si aggiunge il rischio dato dai rigassificatori: il primo a Gioia Tauro, tornato in auge dopo 10 anni dalla sua autorizzazione a causa dello scoppio del conflitto in Ucraina e oggi considerato importante nell’ambito della strategia che vede l’Italia candidata a diventare l’hub del gas verso l’Europa; e l’altro in attesa di autorizzazione a Crotone, da 0,8 miliardi di smc, e che prevede un deposito costiero con capacità di 20.000 smc di gas. Progetti che allontanano la Calabria dalle opportunità di innovazione, miglioramento della qualità di vita e creazione di posti di lavoro. È ora di dire basta: l’eolico offshore, insieme alle altre tecnologie pulite, è un’opportunità energetica, economica e sociale che la nostra Regione ha tutto l’interesse a perseguire”.  Non bisogna dimenticare anche le attività di ricerca e produzione di idrocarburi. Nel 2022, attraverso le 4 concessioni di coltivazione presenti nella Regione e localizzate nei pressi di Crotone tra terra e mare, sono stati prodotti 5.119.484 smc di gas su terraferma e 282.046.919 smc nelle concessioni direttamente di fronte alle coste crotonesi, una quantità pari a circa l’8% della produzione nazionale di gas fossile. A queste si aggiungono ulteriori 3 permessi di ricerca per una superficie di oltre 2.000 kmq destinati ad attività connesse alla produzione di idrocarburi.  “Il numero di progetti sulle rinnovabili presenti in Calabria, e in altre 6 regioni italiane, raccontano molto bene un significativo fermento da parte delle imprese, pronte a investire nei nostri territori – dichiara Alice De Marco, portavoce Goletta Verde. L’aspetto più importante è guidarle attraverso una riforma delle normative autorizzative, che semplifichi e velocizzi i processi mettendo particolare attenzione all’integrazione dei diversi progetti nei territori. Parlando di eolico offshore è necessario avere una cabina di regia in grado di guidare le imprese nella scelta dei siti. Non tutti i progetti verranno realizzati ma ciò non toglie che questa tecnologia rappresenti un pezzo di futuro energetico per questa regione, in grado di portare oltre che sviluppo anche posti di lavoro. Un esempio: il parco eolico offshore MedWind presentato in Sicilia, da 2,7 GW porterà almeno 1.100 posti di lavoro del settore pari a 2,3 posti di lavoro ogni MW di progetto. Un obiettivo raggiungibile solo con un Piano Nazionale Integrato Energia e Clima davvero ambizioso e che candidi il nostro Paese a diventare l’hub delle tecnologie pulite e non delle fossili”.  Progetti e opportunità di cui Legambiente ha parlato oggi in occasione dell’incontro che ha organizzato a Crotone dal titolo “Ritorno al Futuro. Trasformare la crisi climatica, energetica e sociale in opportunità. Il ruolo dell’eolico offshore in Calabria” che ha visto la partecipazione di Rosaria Vazzano, Presidente del Circolo Legambiente Crotone; Ottavia D’Agostino, Ufficio Energia Legambiente; Anna Parretta, Presidente Legambiente Calabria; Alice De Marco, Portavoce di Goletta Verde; Vincenzo Voce, Sindaco di Crotone; Manuela Asteriti, Presidente Cooperativa Pescatori di Crotone; Enzo Scalese, Segretario Generale CGIL Area Vasta Catanzaro Crotone e Vibo, Crotone Vibo, Fabio Tomaino, Segretario UIL Crotone e Mario Spanò, Confindustria Crotone. 

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x