Ultimo aggiornamento alle 21:01
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

l’appello

Cosenza, l’Usb sollecita «una legge su omicidio e lesioni gravi sul lavoro»

L’invito a firmare la petizione. «Migliaia di morti e famiglie distrutte per il mancato rispetto delle misure di sicurezza»

Pubblicato il: 07/09/2023 – 11:31
Cosenza, l’Usb sollecita «una legge su omicidio e lesioni gravi sul lavoro»

COSENZA In Italia, secondo i dati forniti dall’Inail, nella prima metà del 2023 ogni due giorni quasi cinque lavoratori e lavoratrici hanno perso la vita, oltre 17 vittime ogni settimana, 75 ogni mese, 4mila negli ultimi 5 anni compresi circa 800 minori. «Migliaia di morti e famiglie distrutte per il mancato rispetto delle misure a tutela della salute e della sicurezza di chi lavora», si legge in una nota della Confederazione Usb Cosenza. «La politica – si legge ancora – ha dimostrato con i fatti di ignorare questi omicidi quotidiani: pochi controlli, mani libere alle imprese, zero investimenti pubblici per migliorare la sicurezza sui posti di lavoro approfittando delle nuove tecnologie. Se alle lacrime e al cordoglio non si sosterranno misure concrete, la stazione di Brandizzo rischia di essere soltanto uno dei tanti luoghi di morte e disperazione. La salute e la sicurezza dei lavoratori e delle lavoratrici non possono più rappresentare un costo da ridurre per aumentare i profitti. Per questo motivo è necessario, tra le altre cose, introdurre una nuova fattispecie di reato: quella dell’omicidio e delle lesioni gravi o gravissime sul lavoro. Uno strumento importante per tutelare la salute di tutte e tutti e combattere chi specula sulle vite di chi lavora». «È in corso a livello nazionale una raccolta firme a sostegno di questa proposta promossa dall’Unione Sindacale di Base. Cosenza darà il suo contributo – fanno sapere dal sindacato – È importante infatti dare un segnale da ogni parte del Paese, uscire la mattina per andare a lavorare e rischiare sistematicamente infortuni o peggio ancora la propria vita non è più accettabile. Per noi, per le nostre famiglie, per la memoria di colleghi e colleghe che hanno perso la vita sui binari, nelle stazioni e in ogni posto di lavoro. Per firmare la petizione ci trovate dal lunedì al venerdì in via Macallè 17 (Cosenza) dalle 8:30 alle 12:30 e dalle 16:00 alle 19:00. Potrete inoltre firmare presso in banchetti che organizzeremo nel corso del mese, per scoprire le date seguici sulle pagine social di La Base Cosenza».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x