Ultimo aggiornamento alle 12:05
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

La protesta

Tirocinanti ministeriali in presidio a Cosenza: «Attendiamo risposte»

Azione di protesta dell’Usb davanti la Prefettura bruzia: «Riconoscere i diritti di circa 246 lavoratori tagliati fuori dal concorso Formez»

Pubblicato il: 16/10/2023 – 10:46
Tirocinanti ministeriali in presidio a Cosenza: «Attendiamo risposte»

COSENZA «Il 19 settembre scorso è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il decreto legge Sud con disposizioni urgenti per la coesione e il rilancio dell’economia nelle aree del Mezzogiorno del Paese, tra i provvedimenti sono previste oltre 2mila assunzioni nella pubblica amministrazione». È quanto si legge in una nota dell’Usb Tirocinanti della Calabria.
«Il Decreto – è detto – entrerà in vigore dal prossimo gennaio e in queste settimane i parlamentari sono impegnati nella presentazione e discussione degli emendamenti. L’occasione giusta per riconoscere i diritti dei circa 276 tirocinanti ministeriali calabresi – in servizio presso le sedi regionali di MIC e Giustizia – ingiustamente tagliati fuori a seguito del concorso organizzato da Formez».
«Un procedimento concorsuale – affermano gli esponenti sindacali di basa – che abbiamo contestato sin dall’inizio per le sue modalità assolutamente discutibili. I quesiti della prova d’esame nulla avevano a che fare con il tirocinio svolto a ciò si aggiunge il breve preavviso della data d’esame, l’assenza di un testo sul quale poter studiare e il mancato riconoscimento di anni di lavoro sul campo ed esperienza e competenze maturate. Riteniamo doveroso un impegno dei parlamentari calabresi, nel contesto dei provvedimenti del DL Sud, affinché vengano riaperte le procedure concorsuali. Migliaia di famiglie costrette in condizioni di massima precarietà lavorativa da anni attendono risposte concrete da parte delle istituzioni».
«Maggioranza e opposizione – lanciano un appello – devono rispondere ai calabresi e al loro diritto ad un lavoro stabile e dignitoso. Ci aspettiamo che nelle commissioni parlamentari che si riuniranno a Roma dal prossimo lunedì tutti lavorino in questa direzione. Intanto la battaglia di USB prosegue con determinazione, non lasceremo che la questione cada nel dimenticatoio, pertanto annunciamo che da oggi saremo in presidio permanente davanti la Prefettura di Cosenza».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x