Ultimo aggiornamento alle 22:04
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

l’evento

In Calabria la XIX Assise delle Città della Nocciola

Dall’1 al 3 dicembre Cardinale e Torre di Ruggiero saranno le sedi della diciannovesima edizione. Rotiroti: «Grande soddisfazione»

Pubblicato il: 23/11/2023 – 9:56
In Calabria la XIX Assise delle Città della Nocciola

«L’indicazione della Calabria, ed in particolare dei comuni di Cardinale e Torre di Ruggiero, quale sede della diciannovesima edizione dell’Assise nazionale di “Città della Nocciola” ci riempie di soddisfazione ed allo stesso tempo ci carica di una grande responsabilità». Commenta così il Presidente dell’Associazione dei produttori Tonda di Calabria bio, Giuseppe Rotiroti, la scelta di tenere nella nostra regione la manifestazione che ogni anno riunisce tutti i protagonisti della corilicoltura italiana. «Le Città della Nocciola – aggiunge Rotiroti – rappresentano un patrimonio di valore culturale, economico e sociale, si tratta infatti di tutti quei luoghi in Italia dove è forte la consapevolezza della propria identità e del legame tra il territorio, le comunità che vi risiedono ed un piccolo straordinario frutto. Peraltro l’associazione non solo intraprende progetti di tutela della nocciola ma è attivissima nel definire e sostenere percorsi che consentano l’attivazione di offerte strutturate di turismo enogastronomico e naturale. Una prospettiva che per quanto ci riguarda – prosegue Rotiroti – corrisponde per intero al vero e proprio “miracolo” compiuto a Cardinale e Torre di Ruggiero, come in molti ormai sanno nel territorio di questi due comuni – dopo il declino dei decenni scorsi – la produzione corilicola ha ripreso vigore e forza. Oggi vengono recuperati noccioleti storici, i nuovi occupano spazi fino a ieri abbandonati ed in preda a fenomeni di dissesto, sempre più giovani sono coinvolti e le amministrazioni comunali hanno puntato con forza sulla definizione di un marketing territoriale fondato proprio sulla nocciola». Un percorso che Rotiroti definisce non facile ma che alla fine ha portato ai risultati immaginati e sperati quindici anni fa «siamo partiti ancorandoci ad una tradizione che qui ha più di due secoli e che per decenni ha rappresentato l’ossatura portante dell’economia locale, a piccoli passi siamo riusciti a riportare la nocciola al centro e lo abbiamo fatto grazie alla collaborazione ed alla cooperazione di cui i produttori sono capaci».

L’evento

Dall’1 al 3 dicembre dunque, con un programma particolarmente nutrito, i due Comuni calabresi saranno il centro della corilicoltura italiana legata ai territori «l’assise – specifica Rotiroti – è di certo una festa ma anche un momento nel quale sarà possibile confrontarsi con esperti corilicoli, rappresentanti delle università, istituzioni locali e nazionali, amministratori locali e produttori. Da non sottovalutare infine un aspetto, le Città della Nocciola arrivano in Calabria con il Comune di Cardinale che è diventato un vero e proprio caso nazionale con il progetto “Borgo della nocciola”, il primo in Italia, e con l’imminente apertura del Museo della Nocciola, il secondo in Italia. Siamo particolarmente lieti di questa ennesima occasione che, peraltro, si inquadra nel progetto di promozione elaborato nell’ambito del PSR 2014/2023 e sostenuto dalla specifica misura 3 – Intervento 3.2.1»

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x