Ultimo aggiornamento alle 23:30
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

il confronto

“Manna e Mastice: risorsa del futuro”: venerdì l’iniziativa a Sersale

A promuoverla il Conservatorio Etnobotanica di Castelluccio Superiore (Potenza) e il Conservatorio Etnobotanico Mediterraneo

Pubblicato il: 29/11/2023 – 18:56
“Manna e Mastice: risorsa del futuro”: venerdì l’iniziativa a Sersale

SERSALE “Manna e Mastice: risorsa del futuro” è il tema al centro di un’iniziativa promossa a Sersale nella sala del Centro d’Informazione Turistica delle Valli Cupe per venerdì 1 dicembre alle ore 17.00 dal Conservatorio Etnobotanica di Castelluccio Superiore (Potenza), dal Conservatorio Etnobotanico Mediterraneo di Sersale (Catanzaro) e dal prof. Giancarlo Statti, ordinario di Botanica farmaceutica dell’Università della Calabria – una colla che fa presa su superfici ruvide. La manna e il mastice, promosse dall’associazione “Mama”, sono, la prima, una sostanza zuccherina prodotta da alcune specie di frassino dalle molteplici proprietà mediche e molto cara a nutrizionisti e, la seconda, una resina vegetale ottenuta per incisione del fusto e dei rami, dal lentisco e molto pregiata. Entrambe note fin dall’antichità e la Calabria le ha conosciuto per averle prodotte e ritenute da sempre culturalmente identitarie. Nel corso del convegno (“Manna e Mastice: risorsa del futuro”), saranno presentati i primi risultati dello studio botanico, etnobotanico, chimico e farmaceutico, finalizzati alla valorizzazione concreta e al rilancio di due eccellenze che, nei secoli scorsi, in Calabria hanno avuto un’importanza straordinaria, economica e culturale. Nel biennio 2022/2023 sono stati realizzati due campi sperimentali: uno di frassino per la manna e uno di lentisco per il mastice (“gomma da masticare”). Grazie alle parcelle sperimentali, si sono potute attuare e osservare le tecniche di estrazione e comprendere tutti gli aspetti agronomici, botanici, pedoclimatici e di fisiologia vegetale coinvolti nel successo nel processo estrattivo. I due Conservatori di Castelluccio e Sersale, oltre agli aspetti botanici e etnobotanici, si sono occupati dell’importanza economica e storico-culturale di questi due prodotti di eccellenza. Il Dipartimento di Botanica farmaceutica dell’Unical, con il professore Giancarlo Statti, si è occupato dello studio chimico e farmaceutico. Al convegno, dopo i saluti istituzionali di Carmine Capellupo (sindaco di Sersale) e Tommaso Belingò (assessore all’Ambiente), interverranno: Giovanni Moscato (dirigente Istituto superiore di Sersale), Egidio Salamone (direttore Fondazione Vos), Carmine Lupia (etnobotanico), Giancarlo Statti (docente di Botanica farmaceutica – Unical), Giovanni Canora (dietista Cattedra Unesco – Salerno), Alessandro Talarico (presidente Ordine Agronomi e Forestali Catanzaro) e Giuseppe Oliva (presidente Calabria Verde). Modera: Clemente Angotti (giornalista Ansa).

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x