Ultimo aggiornamento alle 22:19
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

‘ndrangheta

«Mi chiamava “pentita”». Le minacce degli Arena all’ex moglie

Il racconto della vittima nell’inchiesta della Dda di Reggio Calabria. «Mi hanno più volte detto che per me era già pronta la ruspa»

Pubblicato il: 02/12/2023 – 15:46
«Mi chiamava “pentita”». Le minacce degli Arena all’ex moglie

REGGIO CALABRIA Nelle carte dell’inchiesta sulla cosca Pesce di Rosarno, che stamattina ha portato all’arresto di Domenico e Rosario Arena, padre e figlio, ci sono le minacce subite dall’ex moglie di quest’ultimo che si è rivolta ai pm della Dda di Reggio Calabria a cui ha raccontato le angherie subite dalla famiglia del marito dopo che ha deciso di interrompere la loro relazione. Secondo gli inquirenti, mentre era ancora detenuto, attraverso i figli, Rosario Arena avrebbe detto all’ex moglie che, una volta scarcerato, «avrebbe sistemato tutto». Suo padre Domenico Arena, invece, utilizzando un falso profilo Facebook, avrebbe pubblicato frasi indirizzate alla donna sulla cui bacheca il suocero avrebbe scritto “dovrai morire di fame” e, successivamente, in uno scambio di messaggi “le offriva la somma di 100mila euro se fosse tornata a vivere con il figlio”. «Della famiglia Arena – ha dichiarato la vittima ai pm – so che non hanno mai lavorato onestamente. In generale già durante la mia vita matrimoniale ho subito numerose volte minacce del mio ex suocero e dal mio ex marito, che mi hanno più volte detto che per me era già pronta la ruspa, volendo intendere che mi avrebbero appunto uccisa e seppellita. Quando ho lasciato Rosario (l’ex marito, ndr), il 13 novembre 2018, Arena Domenico, il mio ex suocero, mi ha detto che sarebbe venuto sotto casa, avrebbe distrutto tutto e ci avrebbe uccisi; infatti, ho denunciato questo evento presso la tenenza di Rosarno”. La vita matrimoniale della vittima – si legge nell’ordinanza – “è stata improntata a pressioni psicologiche continue, in quanto il suocero ed il marito pretendevano che lei, come le altre nuore, prendesse parte attiva agli affari illeciti della famiglia, tra cui il traffico di stupefacenti, e che avesse con il suocero atteggiamenti sessuali promiscui e confidenziali. Ai pm la donna ha dichiarato: «Ricordo che mio suocero proponeva a noi donne della famiglia di occuparci della coltivazione di sostanza stupefacente. Mio marito mi chiamava ‘pentita’… mi alzava le mani addosso, mi abbandonava 3-4 notti, e diceva che se ne andava per colpa mia». (ANSA)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x