Ultimo aggiornamento alle 0:11
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

l’appello

«Abbattere i manufatti abusivi nell’area di Capo Colonna»

Nota di Italia Nostra: «Attendono di essere demolite una colata di cemento con le fondamenta di 79 bungalow, una piscina e un ristorante»

Pubblicato il: 03/01/2024 – 12:40
«Abbattere i manufatti abusivi nell’area di Capo Colonna»

CROTONE «Apprendiamo con soddisfazione l’esito positivo della Conferenza dei servizi che ha deciso di riqualificare l’area archeologica di Capo Colonna e demolire due manufatti abusivi che sorgono sul promontorio e ne deturpano il paesaggio. Adesso l’iniziativa passa al Comune di Crotone, che ha in carico la redazione della progettazione esecutiva delle opere (finanziate attraverso il Pnrr per 5 milioni e 893 mila) e che prevedono gli abbattimenti delle due case dopo il via libera del Consiglio di Stato». È quanto affermano in una nota congiunta Teresa Liguori consigliere nazionale di Italia Nostra e presidente della sezione di Crotone e Vincenzo Fabiani, direttore del Gruppo Archeologico Krotoniate. «In tale occasione, però, Italia Nostra – è detto nella nota – non può esimersi dal ricordare al sindaco Vincenzo Voce che in località Punta Scifo attendono di essere demolite anche le strutture abusive realizzate: una colata di cemento con le fondamenta di 79 bungalow, una piscina e un ristorante in area protetta e vincolata. Anche in questo caso, il Consiglio di Stato ha approvato la demolizione e messo la parola fine, circa un anno fa, a una ingarbugliata vicenda amministrativa, dai risvolti penali ancora in corso. Il paesaggio sfregiato attende ancora di essere restituito alla sua originaria bellezza e ripristinata la legalità che, purtroppo, in Calabria è sempre sotto attacco».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x