Ultimo aggiornamento alle 17:27
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

i dettagli del blitz

Cellulari e droga nel carcere di Catanzaro, arrestati agenti penitenziari e funzionari. Capomolla: «Quadro inquietante» – I NOMI

I dettagli forniti in conferenza stampa dal procuratore. «Fondamentale il ruolo dei parenti e delle donne all’esterno». Sgominati due gruppi criminali

Pubblicato il: 15/02/2024 – 11:09
Cellulari e droga nel carcere di Catanzaro, arrestati agenti penitenziari e funzionari. Capomolla: «Quadro inquietante» – I NOMI

CATANZARO Abbiamo scoperto un «traffico di droga e l’ingresso di dispositivi come cellulari nel carcere di Catanzaro a un parente legato a un’organizzazione criminale. Un quadro particolarmente inquietante perché è avvenuto in un istituto penitenziario». Lo ha detto questa mattina il procuratore f.f. della Dda di Catanzaro, Vincenzo Capomolla, durante la conferenza stampa organizzata questa mattina in seguito al blitz che ha portato all’arresto di 26 persone, 16 in carcere e 10 ai domiciliari, oltre a 5 obblighi di presentazione alla polizia giudiziaria e 7 sospensioni dall’esercizio delle funzioni, su input della Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro e su ordine del gip.

L’indagine

Capomolla ha parlato di un’organizzazione formata anche da persone non detenute che teneva sotto contro parenti e agenti. Le «misure cautelari riguardano soggetti già detenzione e operatori polizia penitenziaria e funzionari del carcere» mentre si è trattato di «monitoraggio complesso, condotto da carabinieri dall’esterno del carcere e dal Nucleo investigazione centrale della Polizia penitenziaria, all’interno dell’istituto che «ha fatto emergere le condotte illecite». «Il sistema penitenziario – ha spiegato Capomolla – ha comunque al suo interno strumenti per assicurare il rispetto delle regole e questo ci rassicura».

Le omissioni

Durante l’indagine «abbiamo accertato diverse omissioni di pubblici ufficiali che hanno nascosto condotte illecite e abbiamo ricostruito due distinti sodalizi con attività di distribuzione di droga e di cellulari all’interno del carcere», ha spiegato invece il commissario della Polizia penitenziaria, Chiappetta, a cui ha fatto eco il comandante dei Carabinieri di Catanzaro, Giuseppe Mazzullo, che ha parlato di «due associazioni sovrapponibili, una dedita allo smercio della droga e una a quello dei cellulari e mini cellulari». Telefonini le cui sim, è stato detto in conferenza stampa, erano intestate a operatori commerciali.

I parenti e le carte prepagate

È stato significativo «il ruolo dei parenti all’esterno, composto anche da un numero considerevole di donne che supportano l’attività dei compagni all’interno del carcere, si trattava di compagne, mogli e madri. Abbiamo poi ricostruiti i movimenti di denaro sulle carte prepagate. Ad esempio, su una di queste, in 5 mesi abbiamo registrato movimenti per 12mila euro e questo testimonia che la vendita della droga e lo smercio dei cellulari erano fonti enormi di reddito per sostenere i due gruppi criminali». «Durante l’indagine abbiamo ricostruito più profili di responsabilità tra funzionari di amministrazione penitenziaria, agenti, comandanti e direttori, riscontrando una condotta di omissione che equivale comunque a commettere reato». A un operatore di Polizia penitenziaria, inoltre, è stato contestato il rato di concorso esterno in associazione mafiosa. (c. a.)

I nomi

In carcere sono finiti:

  1. Bartolomeo Bruno (Cl. ’89);
  2. Bevilacqua Giuseppe (Cl. ’90);
  3. Clemente Francesco Paolo (Cl. ’77);
  4. Corasaniti Maurizio (Cl. ’70), Assistente Capo Del Corpo Di Polizia Penitenziaria;
  5. Di Marino Fabio (Cl. ’93);
  6. Erra Immacolata (Cl. ’94);
  7. Fanine Abdelilah (Cl. ’89);
  8. Gaglianese Riccardo (Cl. ‘93);
  9. Garofalo Gino (Cl. ’94);
  10. Korchevskiy Dmytro (Cl. ’80);
  11. Paravati Angela (Cl. ’65);
  12. Poli Simona (Cl. ’77);
  13. Pino Giada (Cl. ’95);
  14. Sacco Domenico (Cl. ’66);
  15. Tormento Pierpaolo (Cl. ’91);
  16. Viapiana Francesco (Cl. ’92).

Ai domiciliari:

  1. Cara Loredana (Cl. ’61);
  2. Castorina Michael (Cl. ’69);
  3. Cicero Domenico (Cl. ‘83);
  4. La Valle Carmine (Cl. ’83);
  5. Leo Costantino (Cl. ’88);
  6. Martire Pietro (Cl. ’78);
  7. Pino Angelo (Cl. ’65);
  8. Santino Sandra (Cl. ’92);
  9. Soliberto Francesco (Cl. ’86);
  10. Tormento Franco (Cl. ’60).

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x